L´indulto è legge: fuori anche i mafiosi in regime di 416 Ter

Scambio elettorale politico-mafioso (art 416 ter cod. pen.)”.° 

Questa è una delle “variabili” sottoposte all´indulto, ieri approvato dal Senato.

Poche considerazioni al riguardo:

Personalmente non mi ripugna l´idea che si sia voluto ricorrere a questo strumento, onde garantire in maniera assolutamente impropria, il cosiddetto “svuotamento delle carceri”.

Sono una persona pragmatica e cinica: di buone intenzioni è lastricata (come suole dirsi) la strada dell´inferno.

Con le chiacchiere si fa poco. Occorrono fatti.

Bene. I fatti sono arrivati: l´indulto.

La inumana condizione dei detenuti rendeva improcrastinabile un intervento per migliorarne la vita.

Colpevoli sì. Ridotti a pattume mai!

A espiare la pena sì. A marcire come rifiuti umani mai!

La creazione di nuove carceri?

Ma andiamo. Ma come si può pensare di risolvere la situazione carceraria costruendo nuove carceri. Il problema è oggi. Costruire carceri richiede anni, soprattutto in un Paese come il nostro.

Andava fatto perché lo ha chiesto Giovanni Paolo II?

Serietà , per favore. Non ci si può “trincerare” dietro l´alibi nobile dell´”ascolto” del monito del Papa. Non è serio.

Andava fatto perché non esisteva altra alternativa egualmente rapida e praticabile!

Andava fatto perché ogni tanto (ma non troppo spesso!) lo stato deve dimostrare di essere magnanimo.

Anche perché lo stato non esiste: lo stato siamo noi!

Io e voi!

Ogni tanto qualche atto di compassione va posto in essere.

Non per buonismo, ma per fiducia nel futuro.

Una seconda chance a qualche “mariuolo” la si può concedere.

Il mio e vostro senso dello stato, e il mio e vostro rispetto della legge, non ne subisce nocumento.

E´ anche egoismo, e non solo compassione.

Alcuni di noi sono “fortunati”: hanno possibilità  che altri nemmeno sognano di avere.

Loro sono nati “lì”, invece che “qui” dove siamo noi: voi e me.

Certo capisco, si dirà : “Ma che dici, io non ho nessuna condizione di particolare vantaggio, non sono fortunato, mi faccio il culo a lavorare per una manciata di euro, non delinquo, non rubo e questi stronzi fanno furti e tu li vuoi far uscire dalla galera?”.

Sì, perché alcuni di questi non hanno mai nemmeno avuto un´occasione minima di riscatto.

Pestati a morte dalla vita e dal destino. Alcuni s´intende, non tutti.

Ogni tanto, fermarsi e pensare agli “altri”, a quelli che stanno di gran lunga peggio di noi serve: umanizza. Rende più consapevoli del significato della vita.

Lo ricordo soprattutto a quelli che si riempiono la bocca con la parola “Cristo”!

Morto in terra per insegnare qualcosa.

Cui tutti, laici e cattolici, atei o gnostici, almeno ogni tanto dovremmo prestare attenzione.

In silenzio. E con rispetto.

Passi quindi questo indulto. Passi il fatto che in esso si siano voluti ricomprendere “fattispecie”, per le quali verrebbe da pigliare a calci in culo tutti quelli che l´hanno votato (reati finanziari in primis).

Passi. Passi pure!

Però i reati ex 416 Ter ve li potevate risparmiare!

Grandissimi figli di una buona donna!

° 

Tracked back to third world county, Blue Star Chronicles

° 

19 Responses to "L´indulto è legge: fuori anche i mafiosi in regime di 416 Ter"

  • Giggimassi says:
  • Zia Concetta says:
  • Sgembo says:
  • Loud says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Buy viagra says:
Leave a Comment