La Consulta dà  il via libera ai quesiti referendari

Logo Referendum Segni Guzzetta foto

Un anno fa, Mastella ebbe a dire:° ° 

Lo dichiaro con molta obiettività . Se c´è il referendum, prima ci sarà  la crisi“.

Lo dico con chiarezza quando si andrà  al referendum noi non ci saremo. Il rischio è la crisi di governo se c´è il referendum. Questo senza nessun timore di smentita“.

Casualmente – oggi che la Corte Costituzionale ha pronunciato il suo via libera al Referendum Segni/Guzzetta -, al leader dell´Udeur hanno arrestato la moglie.

Ma è una coincidenza, ovviamente (come no!).

Tornando alla Consulta.

Il fatto che la stessa si sia pronunciata favorevolmente sui quesiti, è molto importante.

Per un motivo.

Se i partiti non dovessero riuscire a mettersi d´accordo su una nuova legge elettorale, rimarrebbe comunque in vita la possibilità  di ricorrere al Referendum.

Che – mai come ora – è una garanzia per la tenuta bipolare del sistema.

Chiunque abbia a cuore il bipolarismo (ma anche il bipartitismo); chiunque desideri che nel Paese continuino ad alternarsi al governo due coalizioni, facendosi l´un l´altra concorrenza; chiunque voglia scongiurare il ritorno alla Prima Repubblica – alla partitocrazia imperante, alla riedizione del pentapartito come unica possibile coalizione di governo -, chiunque sia contrario ai mille partitini-nanetti, ai loro ricatti, ai loro veti incrociati; chiunque voglia che i governi decidano, e che non siano vittima dell´immobilismo più infruttifero; chiunque voglia un Paese moderno ed efficiente, insomma: non può che sostenere le ragioni del SI´ ai quesiti referendari.

Avremo modo e maniera – nei prossimi mesi – di parlarne.

Una sola cosa, adesso è necessario sottolineare.

La seguente.

Il Governo ha un potere immenso, in questa vicenda.

Ha il potere di stabilire la data della consultazione referendaria: che per legge deve tenersi tra il 15 aprile e il 15 giugno.

In genere, quando votazioni di questo tipo si svolgono troppo a ridosso dell´estate, i cittadini disertano le urne (o comunque° il° raggiungimento° del quorum è a rischio).

E i politici ne sono consapevoli!

Dunque occorre vigilare sul Mortadella.

Perché il pallino, ora, sta nelle sue mani.

E dall´affaire Referendum – si leggano le dichiarazioni di Mastella, riportate all´inizio del post -, dipende anche la sopravvivenza dell´osceno governo presieduto dal Promessore.

Incrociamo le dita, quindi.

Leggi altre news su per il Partito della Libertà .

° 

7 Responses to "La Consulta dà  il via libera ai quesiti referendari"

  • nicola says:
  • Marnie4 says:
  • lelloazzurro says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment