Elezioni anticipate: un’eventualità  da scongiurare

Senso unico cartello stradale foto

In queste ore concitate, in cui il destino del governo Prodi sembra segnato, buona parte del Palazzo invoca le elezioni anticipate.

Incominciamo col dire che la maggior parte di quelli che chiedono lo scioglimento delle Camere, le elezioni non le vuole.

Non le vuole Forza Italia. E men che mai Berlusconi (malgrado le invochi).

Il quale sogna per sé, come buen retiro politico, l’ascesa al Colle: la Presidenza della Repubblica.

Tuttavia, se si dovesse votare nel 2008, non spetterebbe al futuro Parlamento la nomina del Capo dello Stato.

Dunque Berlusconi vuole le elezioni nel 2009. Punto.

L’Udc non le ha mai reclamate le elezioni anticipate, e non lo fa ora.

Alleanza Nazionale, e soprattutto Fini, guarda malamente alla prospettiva dello scioglimento delle Camere: vuol far logorare Berlusconi, e farlo invecchiare ancora un pochetto (in questo modo, pensa Fini, Berlusconi potrebbe farsi da parte, o potrebbe essere “parcheggiato” al Colle).

Inoltre: ha sempre mirato alle elezioni nel 2009, Fini.

La Lega è l´unica forza politica del centrodestra a volere davvero le elezioni anticipate.

Da un governo di transizione nulla avrebbe da guadagnare.

Da elezioni anticipate, di contro, otterrebbe la garanzia della permanenza in vita dell´attuale legge elettorale: meglio, per il Carroccio, di qualsiasi Vassallum, Bozza Bianco o Referendum.

Veniamo al centrosinistra.

Le elezioni non le vuole il Pd. Men che mai Veltroni.

Lo statuto del nuovo partito, infatti, prevede che spetterebbe a Prodi la premiership del centrosinistra, ove mai si tornasse al voto prima del 2011.

Dunque Veltroni deve studiare il modo per eliminare la norma succitata, e per evitare di essere solo il reggente del Pd.

Anche lui guarderebbe con maggior favore ad elezioni nel 2009 (ma non oltre questa data: potrebbe “usurarsi” troppo).

Rifondazione comunista, pare, sia propensa a scongiurare l´ipotesi di elezioni a breve termine.

Bertinotti deve lavorare a ridefinire l´identità  del Partito: portandolo oltre il comunismo.

Ha bisogno di tempo: il 2008, per il suo partito, sarebbe una scadenza troppo ravvicinata.

Il Pdci, invece, le elezioni le vuole. Subito e senza esitazioni. Così come lo Sdi e forse anche Sinistra democratica.

Di Pietro non si sa: cambia opinione su tutto, a seconda di come butti il vento. Dunque è impossibile carpirne il pensiero.

Dini, è notorio, vuole un governo di transizione.

Mastella – ora all´opposizione – probabilmente non le vuole, le elezioni anticipate.

Se davvero vuole lavorare – magari con Casini e Pezzotta -, ad un´eventuale “Cosa Bianca”, ha bisogno di altro tempo. E di una legge elettorale utile alla bisogna.

Dunque, come detto, le elezioni anticipate non le vuole la più parte di quelli che le reclamano. Verrebbe da dire: ovviamente.

Nel senso che al “popolo” è difficile – in questo istante – far vedere di desiderare altro, dal ricorso alle urne.

Ma le elezioni anticipate sono un´eventualità da scongiurare anche per un´altra ragione: la più importante.

Tutti gli analisti, tutti gli economisti, concordano nel dire che il 2008 e il 2009 saranno anni pessimi, dal punto di vista economico.

Modestissima crescita, rischio inflazione, decremento della domanda estera e di quella interna.

Chi diamine potrebbe suggerire di andare a votare domani, sapendo che in caso di vittoria dovrebbe assumersi l´onere infausto di guidare un Paese in piena crisi economica?

Ovviamente nessuna persona sana di mente.

Non solo.

Il centrodestra è dato vincente. Con largo vantaggio rispetto al centrosinistra.

Berlusconi – com´è il suo solito – millanta il possesso di sondaggi iper favorevoli.

Non vi preoccupate, questo il suo monito: anche con questa legge elettorale noi avremmo – in caso di vittoria – una maggioranza schiacciante.

Probabile.

E come la mettiamo con i litigi che, solo fino ad un mese fa, infuriavano tra i leader della Casa della Libertà ?

Se si andasse a votare tra tre mesi e si vincessero le elezioni, come andrebbe a finire? E’ ipotizzabile che – tutto d’un tratto – torni il sereno tra i mammasantissima del centrodestra?

Difficile.

Con una legge elettorale che accresce il potere (e la presenza parlamentare) del singolo partito (perché questo fa il “Porcellum”), inoltre, gli elementi di frizione – soprattutto con una crisi economica forte da gestire -, aumenterebbero.

Dunque: ci si tolga dalla testa l´ipotesi di un ricorso quasi immediato alle urne, e si familiarizzi con l´idea di un governo di transizione.

Che io vorrei fosse “tecnico”: cioè costituito da persone di riconosciuta competenza, nel proprio ambito professionale, e tali da consentire un’uscita dell’Italia – in modo possibilmente strutturale – dalla palude della stagnazione.

Pochi nomi mi vengono in mente.

Mario Monti come Presidente del Consiglio.

Francesco Giavazzi all´Economia.

E Pietro Ichino al Welfare.

Su queste basi, e con un programma incentrato sul risanamento economico (taglio della spesa pubblica, riduzione della pressione fiscale soprattutto per i reddito medio-bassi, liberalizzazioni, deregolamentazioni, privatizzazioni e interventi a favore della concorrenza), si può pensare di rimettere il Paese in carreggiata.

Un governo, questo “tecnico”, che io auspico possa venire appoggiato da Forza Italia, Alleanza Nazionale, Udc, Partito democratico, Liberaldemocratici, Italia dei Valori e Udeur.

Un anno e mezzo di “cura seria” (e con l´aggiunta di una nuova legge elettorale, e di qualche riforma ai regolamenti camerali e qualche modifica costituzionale), e poi si può tornare al voto.

Ma mai prima del primo semestre 2009.

Altrimenti è un suicidio per la Nazione.

Leggi altre news su per il Partito della Libertà .


33 Responses to "Elezioni anticipate: un’eventualità  da scongiurare"

  • pietro says:
  • freeman says:
  • camelot says:
  • sinistraSTOP says:
  • shadang says:
  • shadang says:
  • FRANCESCO says:
  • Giorgia says:
  • Politicrack says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Gino says:
  • Giorgia says:
  • nicola says:
  • fulvio says:
  • 60gandalf says:
  • Anima Salva says:
  • sinistraSTOP says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says: