Il realismo di Fini

Gianfranco Fini foto

L´esperienza comica del “mandato esplorativo” conferito a Marini, sta per concludersi.° 

Entro giovedì, infatti,° il quadro dovrebbe essere chiaro: Marini non ha alcuna possibilità  di formare un governo.

Preso atto di ciò, dunque, il Capo dello Stato° non potrebbe fare altro che fissare la data delle elezioni.

Ci vuole realismo, però: perché il centrodestra – una volta al governo -, dovrà  fronteggiare una congiuntura economica che già  si preannuncia pessima.

E Gianfranco Fini mostra di esserne consapevole:

Gli italiani questa volta ci daranno fiducia, ma noi non potremo fallire. Servirà  quindi un programma basato su 15-20 punti chiari, non un libro dei sogni, sui quali basare la campagna elettorale“.

Mentre sulle alleanze, il leader di An avverte:

Le elezioni non saranno una passeggiata“.

Se il Pd correrà  da solo alle prossime elezioni, un pensierino lo dovremo fare anche noi della Cdl. Non abbiamo bisogno di imbarcare questo o quello sulla nave solo perché ora è vincente“.

Appunto.

Leggi altre news su per il Partito della Libertà .

° 

11 Responses to "Il realismo di Fini"

  • thumbria says:
  • Politicrack says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • destralab says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment