Eugenio Scalfari e Giorgio Bocca: come Giorgio Almirante

Giorgio Almirante foto

Giorgio Bocca foto

Eugenio Scalfari foto

Premetto che la querelle sulla intitolazione di una via a Giorgio Almirante, non mi appassiona nemmeno un po´ (e nemmeno me ne dolgo).

Aggiungo anche, che Alemanno avrebbe fatto bene a non cacciare dal cilindro questo proposito. Almeno non ora. Cui prodest?

Premetto, inoltre, che il giudizio di condanna espresso da Fini – e riferito alle esecrabili affermazioni pronunciate nel 1942 da Almirante, all´indirizzo degli ebrei -, è anche il mio. E come potrebbe non esserlo?

Detto ciò, siccome sono riprovevoli le parole proferite da Almirante, non si può che giudicare allo stesso modo le farneticanti asserzioni razziste, pronunciate – nello stesso periodo – da Eugenio Scalfari e da Giorgio Bocca.

Ricordare ciò che gli ebrei hanno patito: è un imperativo morale.

Che non può essere strumentalizzato, per meschine convenienze di parte.

Molti – caduto il Fascismo – cambiarono “casacca”. Provando a cancellare le tracce del loro passato.

Ma le parole che pronunciarono, o le atrocità  che posero in essere, vanno ricordate: perché i crimini camminano sempre sulle gambe di tanti. E tra i “buoni” di oggi, c´è° anche qualche “cattivo” di ieri.

E a nessuno può essere concesso uno “sconto di pena”. Nemmeno a quelli che presero le distanze dai deliri della loro giovinezza: magari solo perché “il vento era cambiato”.

Eugenio Scalfari (1942):

“Un impero del genere è tenuto insieme da un fattore principale e necessario: la volontà  di potenza quale elemento di costruzione sociale, la razza quale elemento etnico, sintesi di motivi etici e biologici che determina la superiorità  storica dello Stato nucleo e giustifica la sua dichiarata volontà  di potenza”.

Eugenio Scalfari (Roma Fascista, settimanale, 24 settembre 1942):

“Gli imperi moderni quali siamo noi, li concepiamo e sono basati sul cardine “Razza“, escludendo pertanto l´estensione della cittadinanza da parte dello stato nucleo alle altre genti”.

Giorgio Bocca (La Provincia Granda, 4 agosto 1942):

“Questo odio degli ebrei contro il fascismo è la causa della guerra attuale. La vittoria degli avversari solo in apparenza sarebbe una vittoria degli ebrei. A quale ariano, fascista o non fascista, può sorridere l’idea, in un tempo non lontano, essere lo schiavo degli ebrei?”.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .


Tags: , , ,

43 Responses to "Eugenio Scalfari e Giorgio Bocca: come Giorgio Almirante"

  • Andrea says:
  • Shadang says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Andrea says:
  • camelot says:
  • Shadang says:
  • Shadang says:
  • Andrea says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • aziz says:
  • camelot says:
  • Shadang says:
  • aziz says:
  • Gab says:
  • Simone82 says:
  • GIGI says:
  • ruys says:
  • prefe says:
  • faber says:
  • Shadang says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Shadang says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Enzo Saldutti says:
  • Enzo Saldutti says:
  • Enzo Saldutti says:
  • Enzo Saldutti says:
Leave a Comment