Decreto sicurezza: nonostante tutto, l´opposizione l´ha votato (in parte)

Veltroni e Berlusconi foto

Dunque, mentre i fessacchiotti dell´una e dell´altra parte politica gioiscono per l´apparente rottura del dialogo tra Uolter e Silvio IV – dimostrando con ciò di avere non solo poca contezza della drammatica situazione economica che ci si trova ad affrontare (che richiederebbe il massimo della concordia), ma anche poco rispetto per l´interesse patrio (oltreché intelletto, naturalmente) -, nelle aule parlamentari avviene altro.° 

Avviene ad esempio, che l´opposizione voti il decreto sicurezza. Ohibò!

Ovviamente non tutto, ci mancherebbe.

Ma questo poco rileva. Rileva, invece, che al di là  dei desiderata dei fascistelli di cui sopra – che amerebbero solo prendersi a sprangate, per problemi psichiatrici che forse dovrebbero curare -, un filo di speranza rimane in vita.

La speranza, cioè, che questa legislatura sia davvero costituente. E consenta, quindi, di superare la “transizione politica” che oramai dura da 15 anni. E che come risultato – tra i tanti – seguita a garantire una crescita economica da Terzo Mondo!

Ma queste sono cose che stanno a cuore ai Patrioti: non certo ai fascistelli dei due schieramenti, che si divertono a giocare a fare i froci con il culo degli altri (la povera gente che non arriva alla quarta settimana)!

Ma veniamo alla notizia.

Ieri l´altro, l´opposizione in Senato ha votato molteplici provvedimenti contenuti nel decreto sicurezza.

Ad esempio quello con cui si è deciso di facilitare la confisca dei beni ai mafiosi; quello con cui si è aumentata di due anni la pena per i condannati ex 416bis; e quello con cui si è previsto di contestare il reato di criminalità  organizzata, anche agli stranieri.

Non solo.

L´opposizione ha detto sì anche ad un norma “destrorsissima” (Piero Sansonetti, Vauro, Padellaro e shampisti affini: non lo sapranno), che prevede la condanna all´ergastolo per chiunque uccida un agente delle Forze dell´Ordine (la Sinistra l´Arcobaleno, ovviamente, se fosse stata in Parlamento avrebbe votato contro).

L´emendamento è stata presentato dal senatore del Popolo della Libertà , Antonio Paravia, che così ne ha spiegato la ratio:

E´ stato presentato perché, dopo la morte del tenente Marco Pittoni (il carabiniere ammazzato durante il tentativo di sventare una rapina nell´ufficio postale di Pagani, ndr) alcuni parlamentari salernitani della nostra coalizione si sono interrogati su quali correttivi urgenti si potessero apportare alla normativa in vigore per non permettere che sanzioni troppo morbide, minassero l´opera di chi difende il territorio ogni giorno. E così, d´accordo con il presidente della commissione Difesa Edmondo Cirielli, abbiamo deciso di dare un segnale di dovuta attenzione non solo agli appartenenti delle forze di polizia, ma anche alle loro famiglie e soprattutto ai delinquenti. Il voto favorevole dell´opposizione è davvero apprezzabile“.

Ma non basta.

Ieri il governo ha accolto la proposta proveniente dall´opposizione, che chiedeva l´introduzione del reato di stalking. Ed ha approvato un ddl ad hoc (il ddl-Carfagna).

Insomma, la rottura tra Uolter e Silvio IV, fortunatamente: ancora non c´è stata.

Resistete (Walter, tu ascolta lui).

P.S.: è probabile che l´opposizione abbia votato° molte altre parti° del decreto sicurezza.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .

6 Responses to "Decreto sicurezza: nonostante tutto, l´opposizione l´ha votato (in parte)"

  • Gab says:
  • camelot says:
  • Gab says:
  • camelot says:
Leave a Comment