Barbato, Idv: in Campania il partito rischia di essere travolto dal sistema affari-politica-camorra

Antonio Di Pietro foto

Tutto è cominciato con questa dichiarazione

Mi sospendo dagli incarichi dell´Italia dei Valori in Campania perché qui nel partito spuntano i camorristi, strane facce, gente alla quale io nemmeno stringerei la mano. Questo è il primo passo. O facciamo pulizia o me ne vado“.

Parole dure, evidentemente; parole di denuncia. Cui ne hanno fatto seguito altre:

Per capire bisognerebbe aver assistito ai tanti esecutivi regionali (dell´Idv, ndr) ai quali ho partecipato io“.

Cosa succedeva?” (chiede la giornalista).

Si proclamava l´acquiescenza alla camorra“.

In questo modo, il deputato napoletano dell´Idv, Francesco Barbato, qualche giorno fa ha iniziato a raccontare il “modus operandi” del suo partito, in Campania.

Oggi, intervistato nuovamente da Alessandra Arachi (sul Corriere della Sera), ha svelato ulteriori dettagli:

Per fortuna che oggi Antonio Di Pietro arriva a Napoli“.

Ha convocato una riunione con all´ordine del giorno la questione morale dell´Italia dei Valori in Campania. Uh quanto ce ne è da lavorare in questo partito dove io sono entrano dalla lista civica nazionale“.

In che senso?” (chiede l´intervistatrice).

In Campania l´Italia dei Valori rischia di essere travolta dal sistema affari-politica-camorra“.

Lei l´ha già  fatta questa denuncia. E Nello Formisano, il segretario regionale dell´Italia dei Valori in Campania, l´ha invitata a fare i nomi“.

Ah sì? Eccone uno, forse il più importante: Nicola Marrazzo. Ci sono molte brutte storie legate allo scandalo della sua famiglia, suo fratello Angelo, le loro aziende dei rifiuti e il legame con il clan dei Casalesi, ma…“.

Per Nicola Marrazzo non c´è bisogno di scomodare la famiglia“.

E´ stato appena eletto capogruppo dell´Italia dei Valori alla Regione: Marrazzo ce lo ha messo nel suo curriculum di quando faceva l´assessore a Casandrino?“.

Doveva mettercelo?“.

Casandrino, il comune da lui amministrato, venne sciolto per infiltrazioni camorristiche. I carabinieri di Napoli (rapporto 013365/115) hanno indicato Nicola Marrazzo come legato ad un clan della camorra, i Puca. In quel comune, come risulta dalla relazione dei carabinieri, gli amministratori si dividevano in correnti alquanto particolari“.

Perché particolari?“.

Perché le correnti anziché avere come referenti i politici avevano i clan della camorra: da una parte i Puca, dall´altra i Verde. Ma vogliamo parlare anche di Cosimo Silvestro?“.

E´ stato il capogruppo alla Regione di Italia dei Valori prima di Marrazzo. Poi, a fine ottobre, il Corriere del Mezzogiorno ha molto ben raccontato un altro scandalo di camorra che lo travolto: Cosimo Silvestro metteva a disposizione il badge magnetico e la paletta della regione Campania al suo assistente, Ciro Campana, che in auto blu portava a spasso due persone affiliate ai clan di Pomigliano D´Arco“.

E cosa è successo?“.

Di Pietro si è arrabbiato molto. Lo ha allontanato dal partito“.

Bene, dunque, no?“.

Già . Peccato che Nello Formisano abbia appena reinserito Silvestro nel partito“.

Ne è sicuro?“.

Purtroppo sì. Per questo sono contento che oggi torni Di Pietro“.

Se volete, votate Ok.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .


Tags:

6 Responses to "Barbato, Idv: in Campania il partito rischia di essere travolto dal sistema affari-politica-camorra"

  • Gab says:
  • Simone82 says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Alfredo T. says:
  • camelot says:
Leave a Comment