Lo scudo fiscale non sospende le norme antiriciclaggio

La sinistra italiana

La sinistra italiana

Non c’è niente da fare: qualunque cosa dica la sinistra, purtroppo, è falsa fino a prova del contrario. Una verità, questa, che dovrebbe essere ben nota a tutti. E invece capita, anche al sottoscritto, di dimenticarla, e di prendere per buono ciò che da quella parte venga detto. Ma veniamo al dunque.

Quando è stato approvato il cosiddetto scudo fiscale, lor signori sinistri hanno sentenziato: “Ora potranno essere rimpatriati anche i capitali detenuti dalla criminalità organizzata, in quanto vengono sospesi i controlli antiriciclaggio”. E’ vero tutto ciò?

Assolutamente no! A dirlo è un documento del Ministero dell’Economia e della Finanze, dal titolo “Circolare sull’operatività connessa con lo “scudo fiscale” di cui all’art. 13-bis del decreto legge 10 luglio 2009 n. 78, ai fini antiriciclaggio“, che mira ad eliminare ogni dubbio in proposito, e di cui riporto ampi stralci:

“Poiché tali disposizioni hanno posto taluni dubbi interpretativi circa l’impatto della disciplina del cd. “scudo fiscale” sugli obblighi antiriciclaggio vigenti, si forniscono le precisazioni che seguono.

L’art. 17 del decreto legge n. 350/2001, convertito dalla legge n. 409/2001, richiama gli obblighi antiriciclaggio (identificazione, registrazione e segnalazione di operazioni sospette) di cui al decreto legge 3 maggio 1991, n. 143, convertito dalla legge 5 luglio 1991, n. 197. Quest’ultimo provvedimento è stato abrogato dal citato decreto legislativo n. 231/2007, che ha dato attuazione in Italia alla direttiva 2005/60/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio. Lo stesso decreto n. 231/2007, nel ridefinire la normativa italiana in materia di prevenzione e contrasto del ricic1aggio e del finanziamento del terrorismo, è pertanto divenuto il nuovo riferimento legislativo in materia.

Il richiamo, ai sensi dell’ art. 17, agli obblighi antiriciclaggio (identificazione, registrazione e segnalazione di operazioni sospette) di cui all’abrogata legge n. 197/1991, deve quindi essere più correttamente inteso come effettuato alla normativa antiriciclaggio vigente.

Ne deriva che trovano applicazione al cd. “scudo fiscale” tutti i presidi antiriciclaggio previsti dal decreto legislativo n. 231/2007, in termini di obblighi di adeguata verifica, di registrazione e di segnalazione di operazioni sospette.

Conseguentemente, i soggetti destinatari degli obblighi antiriciclaggio che intervengano nel perfezionamento delle procedure/operazioni di rimpatrio o di regolarizzazione:

- devono provvedere all’adeguata verifica della clientela, con modalità ordinarie o rafforzate commisurate alla specifica situazione di rischio, nonché alla registrazione dei dati;

- sono tenuti all’obbligo di segnalazione di operazioni sospette nei casi in cui sanno, sospettano o hanno motivi ragionevoli per sospettare che le attività oggetto delle medesime procedure siano frutto di reati diversi da quelli per i quali si determina la causa di non punibilità di cui al citato comma 4 dell’articolo 13-bis (…).

Pertanto, nella valutazione delle operazioni finalizzate all’emersione, si dovrà tenere conto del comportamento del cliente e di ogni altra circostanza di fatto conosciuta o disponibile nell’ambito dell’adeguata verifica svolta, attribuendo un ruolo centrale alle informazioni riguardanti l’origine dei fondi, soprattutto se le operazioni di rimpatrio sono effettuate in contanti nonché alla valutazione della congruità tra il valore dell’operazione di rimpatrio o di regolarizzazione ed il profilo del cliente“.

Ora, a milioni di italiani è stato fatto credere, con l’inganno e la menzogna, che con lo scudo fiscale la criminalità organizzata avrebbe potuto rimpatriare “danaro sporco”.

Chi dirà loro che non è vero? La Repubblica, il Corriere della Sera, la Stampa? I telegiornali della Rai?

Attendiamo di saperlo.

P.S.: nemmeno Libero e Il Giornale hanno pubblicato questa notizia. Complimenti.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà.



Tags: ,

21 Responses to "Lo scudo fiscale non sospende le norme antiriciclaggio"

  • Simone82 says:
  • camelot says:
  • Fra says:
  • camelot says:
  • John Doe says:
  • camelot says:
  • Fra says:
  • camelot says:
  • John Doe says:
  • camelot says:
  • John Doe says:
  • camelot says:
  • John Doe says:
  • camelot says:
  • John Doe says:
  • Ivana says:
  • Ivana says:
  • camelot says:
Leave a Comment