Luigi De Magistris: come Io non c’è nessuno

Luigi De Magistris foto

Giustizia e potere (Editori Riuniti), a cura di Sergio Nazzaro; parla Luigi De Magistris:

Io ho fatto il magistrato ad altissimi livelli per 15 anni e adesso la politica la sto facendo ad alti livelli, ho un livello di stress elevato: mi basta però un quarto d’ora di riposo perché sono contento di quel che fai” (pp. 263-266).

Idv con me ha avuto una trasformazione genetica enorme, prima delle europee era un’altra Idv…se non ci fosse stata la scelta coraggiosa di Di Pietro di candidare De Magistris….” (pp. 34-37).

Faccio il presidente della commissione bilancio dei fondi europei, ed è un discorso che sto portando avanti molto bene”.

D’altra parte, De Magistris ha condotto:

Indagini per omicidio come per corruzione, per rapina come per truffa, mi sono occupato di tutti i reati e sono stato considerato sempre uno straordinario magistrato” (p. 109).

In Europa la mia esperienza di magistrato è straordinariamente utile e io dentro sarò sempre magistrato” (p. 109).

Un ex magistrato, in Italia, potrà mai diventare premier?

Credo si possa arrivare a mettere in prima linea nella difesa della democrazia e nella costruzione di un’alternativa a Berlusconi persone come posso essere io”.

Noi lo stiamo facendo all’interno di Idv, lo ha fatto il popolo dandomi 500 mila voti e dando un segnale molto forte. Bisognerà vedere quanta altra disponibilità c’è negli altri” (pp. 117,118).

E cosa farebbe se diventasse Presidente del Consiglio?

La prima cosa che farei è dare il segnale che io rappresento un nuovo modo di fare politica; dovrà essere un governo politico con la precondizione d’essere appassionato” (pp. 206, 209).

E se diventasse ministro della Giustizia?

Io vengo dalla magistratura però se dovessi essere ministro della Giustizia lo farei con altissimo profilo politico. Per esempio al Parlamento europeo sto svolgendo un ruolo altamente politico ma con una grande conoscenza dei fatti, in virtù della mia esperienza professionale”.

Gli errori si fanno ma non c’è uno sbaglio ricorrente, non credo di aver fatto sbagli clamorosi. Sono stato onorato dei tanti voti che mi hanno ripagato di tante sofferenze ma non mi hanno montato la testa” (pp. 230, 231).

Sono sempre stato con i piedi per terra, umile, con una grande carica, una grande passione, una grande determinazione”.

Ho un peso positivo, una carica, perché molti hanno fatto affidamento sulla mia persona” (p. 232).

Molti nel partito sbagliano giudizio nei miei confronti, non ho ambizioni in Idv anche perché ho preso talmente tanti voti che fare la gara nei miei confronti non è saggio politicamente” (p. 233).

Qualche attrito con Di Pietro?

C’è un tentativo di metterci l’uno contro l’altro, dentro al partito ma pure i poteri forti dall’esterno. Io e lui potremo cambiare l’Italia, ha bisogno di una persona come me che gli dia una mano. Se l’Idv segue la linea sua e mia può arrivare al 15 per cento” (pp. 234-236).

E quelli che nell’Idv la contestano?

E’ un fatto dettato da invidie, magari legato alla mia notorietà, al fatto che posso piacere di più. In ogni caso, in presenza di un conflitto insanabile, o la linea vincente sarà quella voluta da Di Pietro e da me oppure non ci sarà futuro per l’Idv” (p. 248).

Quello che dico è che sono a disposizione. Se io fossi Di Pietro creerei un asse fortissimo tra me e lui. Penso che io e lui potremmo cambiare l’Italia” (p. 249).

Grammatica inclusa, ovviamente.

Fonte: “Modestamente sono un uomo di altissimo livello”, Peppe Rinaldi, Tempi.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà.



Tags: ,

23 Responses to "Luigi De Magistris: come Io non c’è nessuno"

  • camelot says:
  • Fra Cazzo says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Simone82 says:
  • nicola says:
  • Zenobio says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Leo Vadala says:
  • camelot says:
  • Leo Vadala says:
  • camelot says:
  • leo vadala says:
  • camelot says:
  • Leo Vadala says:
  • camelot says:
Leave a Comment