Rinviata a giudizio per concussione e candidata nella lista di Emma Bonino

Nel listino di Emma Bonino è candidata Marinella D’Innocenzo. La quale è stata rinviata a giudizio per concussione: quando era direttore generale dell’ospedale Sant’Anna Regina Margherita di Torino, avrebbe minacciato il direttore sanitario della struttura medica imponendogli di nominare una determinata persona a capo del dipartimento oncologico del nosocomio. Naturalmente, la donna in questione è innocente fino a prova del contrario (e a sentenza definitiva di condanna).

Però Emmuccia, la sedicente legalitaria che se la spassa con gli stragisti Fioravanti e Mambro, quando la notizia è apparsa su qualche giornale ha asserito di non essere stata messa a conoscenza delle grane giudiziarie della propria candidata:

«Perché non me l’avete detto?»

«Dovevo essere informata. Magari avrei fatto una scelta diversa».

Eh, già: lei non lo sapeva. Perché se l’avesse saputo “magari” avrebbe “fatto una scelta diversa“. Come quando decise, assieme a Pannella, di candidare Toni Negri; il brav’uomo chiuso al gabbio con accuse di nulla rilevanza: insurrezione contro lo Stato, banda armata, associazione sovversiva, rapina, furto, omicidio di due persone, sequestro di persona e danneggiamenti. Cosucce, converrete, di cui si può andar fieri (diciamo francamente).

Inoltre, per raccogliere informazioni sulla candidata, bastava fare una cosa semplice semplice: digitare su Google “Marinella D’Innocenzo”.

Come dicono a Siviglia: a buciardaaaa!

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà.



Tags: , , , ,

7 Responses to "Rinviata a giudizio per concussione e candidata nella lista di Emma Bonino"

Leave a Comment