Carrocciopoli. Cinque fanciulle padane assunte alla Provincia su 700 domande

“Si iscrissero in settecento, si presentarono in duecentoquaranta, andarono avanti in trentotto. Ma i posti, ahiloro, erano solo otto. Da settecento a otto. Tra questi vinsero cinque fanciulle con un pedigree “padano” a dir poco granitico, che ora aspettano solo di prendere possesso della loro seggiola. C’è la figliola del candidato leghista alle regionali, la nipote dell’assessore provinciale leghista, la moglie del vicesindaco leghista del capoluogo e ben due beneficiarie di contratto ad personam presso lo stesso assessorato provinciale retto dal medesimo esponente politico. Leghista, ovviamente.

Messa così, sembrerebbe la storia di un’edizione qualsiasi di Miss Padania. In realtà si tratta di un concorso pubblico per otto posti da impiegato presso la Provincia di Brescia. Altro che “semplice” Parentopoli. Qui pare di stare a Carrocciopoli, dove la Vittoria sembra farsi schiava solo davanti ai nipotini di Alberto da Giussano“ (Tommaso Labate, continua su Il Riformista).

P.S. In riferimento alla Parentopoli piemontese, invece, consiglio di ascoltare questo audio.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà.



Tags: , , ,

5 Responses to "Carrocciopoli. Cinque fanciulle padane assunte alla Provincia su 700 domande"

  • Caldanei says:
  • camelot says:
  • alfio says:
  • camelot says:
Leave a Comment