Why Not: Giggin’ ‘a manetta (De Magistris) rinviato a giudizio per abuso d’ufficio

Per carità. Sarà tutta colpa di un complotto demo-pluto-pippo-minnie&paperino-giudaico-massonico; e, di sicuro, il procedimento a suo carico, presto o tardi, verrà archiviato. Fatto sta, però, che Giggin’ ‘a manetta, al secolo Luigi De Magistris, è stato rinviato a giudizio, assieme al suo compagno di merende Gioacchino Genchi, per abuso d’ufficio; in relazione ad atti compiuti, nel corso dell’inchiesta Why Not, quando ancora indossava la toga.

In particolare, a De Magistris viene contestato il fatto d’aver acquisito i tabulati telefonici di alcuni parlamentari, senza aver richiesto la preventiva autorizzazione della camera d’appartenenza degli stessi.

Inoltre, e come scrive Il Secolo XIX: “Tra le parti offese figurano, tra gli altri, Clemente Mastella, Francesco Rutelli e Romano Prodi”.



Tags:

3 Responses to "Why Not: Giggin’ ‘a manetta (De Magistris) rinviato a giudizio per abuso d’ufficio"

Leave a Comment