Tag Archive

Europee, analisi dei flussi elettorali

Published on maggio 28, 2014 By camelot

L’analisi dei flussi elettorali fotografa l’esodo di elettori da un partito all’altro. Dunque, è indispensabile per capire appieno l’esito di una consultazione elettorale; e per tentare di decifrare il perché ed il percome un movimento politico abbia vinto ed un altro perso.

Se Berlusconi è l’unico a definire Grillo un pericolo per la democrazia

Published on maggio 22, 2014 By camelot

Grillo è un pericolo per la democrazia. È completamente pazzo, imbevuto di dogmi autoritari, illiberali ed anticapitalistici; desidera espropriare e nazionalizzare talune aziende private («Se lo Stato diventano i cittadini, non più i partiti, anche ‘nazionalizzare’ diventa una bella parola: le reti autostradali e telefoniche, le frequenze radio e tv, sono roba di tutti, quindi […]

«La destra fa discorsi che dovrebbe fare la sinistra», scriveva nel 1998 Grillo sulla rivista di Alemanno e Storace

Published on maggio 9, 2014 By camelot

Qualche giorno fa, il Gran Fruitore di condoni tombali ed edilizi, Pippa Grullo, ha sentenziato:

416-ter, la truffa dei grillini: al Senato contro le pene lievi a favore delle quali avevano votato alla Camera

Published on aprile 19, 2014 By camelot

La storia è un po’ lunga (l’hanno raccontata bene sia Filippo Facci, su Libero, che Giovanni Favia); vedrò di riassumerla al massimo.

Siamo tutti ebrei. Ed anti-grillini, ovviamente

Published on aprile 15, 2014 By camelot

Ecco come Grillo ed il Movimento 5 Stelle vorrebbero che da loro si dissentisse (video)

Published on aprile 11, 2014 By camelot

Beh, a giudicare da come occultano talune notizie – questa e questa, ad esempio –, pare che i giornalisti italici abbiano già questo atteggiamento, nei loro riguardi.

Le candidature di spessore del Movimento 5 Stelle

Published on aprile 9, 2014 By camelot

Grillo contro l’incremento del prelievo sulle rendite finanziarie che, fino a ieri l’altro, proponeva ogni giorno

Published on marzo 23, 2014 By camelot

Non c’è altra spiegazione: deve considerare emeriti coglioni tutti gli elettori del Movimento 5 Stelle. Se così non fosse, non si spingerebbe a prenderli per i fondelli così tanto e di frequente.