I Ds Campani si scagliano reciproche accuse di clientelismo. Intanto la Magistratura indaga

Interessantissimo ciò che abbiamo letto in un trafiletto pubblicato oggi, a pagina 14 del Corriere della Sera, a firma Fulvio Buffi, e che vi proponiamo integralmente:La realizzazione di 480 alloggi di edilizia pubblica e privata diventa un caso giudiziario che coinvolge direttamente l´amministrazione comunale, con l´iscrizione del registro degli indagati del sindaco di Salerno, Mario De Biase, e di altre nove persone. Per tutti sono ipotizzati i reati di falso e abuso. L´inchiesta nasce dalle accuse lanciate dal Polo ma anche da esponenti degli stessi Ds, come Fauso Morrone, bassoliniano, che rilasciò una intervista dai toni duri al Corriere del Mezzogiorno, e per le sue dichiarazioni fu querelato da De Biase, a sua volta legatissimo all´ex sindaco Vincenzo De Luca. Dietro la polemica per le case si è riproposto quindi dal primo momento lo scontro che da tempo tiene banco tra i diesse campani: bassoliniani contro il gruppo di De Luca. Tanto che Morrone ha rinnovato le accuse: “Qui a Salerno il partito ha imboccato da tempo un pericoloso declino etico. La sinistra piuttosto che favorire gli imprenditori amici dovrebbe ricordarsi che il suo dovere è la trasparenza“. Ma è De Biase ad avere qualche sospetto: “Non vorrei che questa vicenda fosse un´intimidazione sull´approvazione del piano regolatore“.

Ma come, la sinistra campana fa clientele? E com´è possibile, i sinistri non sono tutti onesti e integerrimi?
Sì, tanto integerrimi da essersi intascati un miliardo di lire della Tangente Enimont!

Leave a Comment