Il Corriere “adultera” e nasconde i sondaggi, per far vincere Prodi

Vi riporto questo interessante post di Nilo, alias La R@dice:Come puo´ un sondaggino sparire all´improvviso? Un guasto tecnico direte voi. Come mai molti messaggi mandati su un forum , pur non contenendo parolacce o minacce (quindi moderati e assolutamente tranquilli) non appaiono mai ? Guasto tecnico direte voi.
Guasto tecnico di sicuro , peccato che non credo sia cosi´.
Sul Corriere a quanto pare dopo il duello tv ci sono stati diversi “guasti” tecnici di questo genere. E proprio mentre il sondaggino dava vincente il Premier… Ma qualcuno se ne accorto (oltre alla mia fonte ovvero amici che mi hanno fatto sapere dell´accaduto), anche Libero
e il Giornale oggi ne parlano.
Certo è , che se la cosa fosse accertata sarebbe di grave entita´ , in ogni caso una spallata alla liberta´ e al diritto di ogni cittadino ad avere una informazione obiettiva da un giornale che ha sempre garantito tutto cio´ . In questo caso non c´è nessuna liberta´ e nessuna obiettivita´Dello stesso tenore un altro post che si occupa di questo argomento, scritto da

Van der Blog:Vabbè, io nemmeno commento. Ok che il Giornale è schierato a destra, ma credo che quanto riportato sia verificabile oggettivamente.

“Sono stati i nostri lettori, con molte mail, a segnalarci una «stranezza». Martedì sera, dopo il duello tv fra Silvio Berlusconi e Romano Prodi, sul sito del Corriere della Sera era possibile partecipare a un sondaggio on line per esprimere un giudizio sulla formula all’americana del faccia a faccia e, soprattutto, rispondendo alla domanda «Chi ti ha convinto di più?». Il dato era inequivocabile: il Cavaliere era in vantaggio sul Professore. Poco prima di mezzanotte avevano votato 39mila navigatori:
il 48,7% delle preferenze era per il leader del Polo, il 47,3% per quello dell’Unione. Con il passare dei minuti il vantaggio del premier cresceva: poco dopo mezzanotte era il 52% a dichiararlo vincitore della prima sfida all’Ok corral politico, a mezzanotte e mezza il 54,8%.Ed ecco la sorpresa: il sondaggio veniva improvvisamente rimosso dalla pagina principale, sostituito da due titoli in grassetto che annunciavano «Prodi in vantaggio nel sondaggio Swg» (effettuato su 300 persone) e «Berlusconi-Prodi:
sondaggio istituto Piepoli, leader dell’Unione ha convinto di più». Dei 50mila che si erano presi la briga di accogliere l’invito del Corriere esprimendo il voto, nessuna traccia; o almeno, così sembrava. Con un po’ di pazienza ecco che ritroviamo, grazie all’aiuto informatico dei nostri lettori, il sondaggio ricollocato nel blog del Corrierone, alla notizia numero cinque, tra Berlusconi-Prodi: confronto aspro e Il Cavaliere e il Professore «blobbati».Giusto il tempo per esprimere,
alle 13, la propria preferenza, scoprire che il Cavaliere era volato a un incredibile 81,34% di consensi contro il 16,81% di Prodi (con ben 151.564 votanti), ragionare sul fatto che i sondaggi on line «non avranno un valore statistico e che si tratta di rivelazioni non basate su un campione elaborato scientificamente» (come ci catechizza il sito) ma che 81 contro 16 è quasi un plebiscito, distrarsi un attimo e non ritrovarlo più.Sì, perché nella pagina del blog elezioni, la notizia numero cinque improvvisamente scompare.
Avranno deciso di togliere i sondaggi dei lettori, uno pensa. Non proprio, perché quello sul confronto all’americana è ancora lì, anzi spostato in alto, a corredo dell’apertura. A sparire è solo quello sul duellante più convincente. A chi ne chiede ragione il Corriere risponde che «i dati era stati alterati». Resta l’interrogativo su come sia stato possibile arrivare a quella certezza.”

Leave a Comment