L´economia tira più di Lapo. E quasi quanto Mieli

Oramai non ci si riesce più a contenere. Tanta è l´euforia.Bandito per sempre il “nano malefico”, si respira in giro un´aria diversa, di rinnovamento morale e materiale. Vabbè, escluso Moggi e Giraudo. Avete ragione, ma non state tanto a cavillare: in fondo è poca roba! E il peggio deve ancora venire!Dicevamo che l´euforia è tanta. Ma non la sentite in giro?

Vai a lavoro e la gente sorride: “Buongiorno come stai, tutto bene?”, e tu abitualmente scontroso, invece rispondi entusiasta: “Sì non c´è male, ho un po´ di colite, ma il cielo oggi è splendido: da quando c´è Prodi sono ritornate le mezze stagioni!”.

La sera si ritorna a uscire: no, non esageriamo, non è che si ritorni a uscire perché non ci sono più le “squadracce” in giro. Si ritorna ad uscire perché da quando c´è Caruso al Parlamento, viviamo tutti sogni più tranquilli: democrazia e libertà  per tutti. Sì, vabbè, condite con un po´ di vetrine rotte e bandiere bruciate, ma vuoi mettere?

Quando c´era “quello lì” che brutta gente c´era in giro..

E insomma signora mia, che vuole di più dalla vita?

Si diceva l´euforia. Bene, partecipe di questo clima di rinnovata “coesione” sociale, anche il Corrierino di Sinistra riscopre il gusto del giornalismo controcorrente, che combatte il disfattismo sfascista della destra defenestrata, e c´informa: “L´industria riparte, l´Italia corre più della Germania. L´Istat: Pil, a inizio anno crescita dello 0,6%“.

Cribbio: un´erezione!

Finita qui?

Ma de che..

Addirittura il Pil su base annua è cresciuto dell´ 1,5%!

Il miglior dato da prima dell´11 settembre 2001.

E tale che noi italiani “pasta/pizza/spaghetti e mandolino”, glielo stiamo mettendo a quel servizio alla Germania (che cresce dello 0,4%) e all´Olanda (0,2%).

Olè: un´altra erezione!

Addirittura, il “Diego della Valle´s paper”, bandendo ogni scaramanzia e ogni tono composto, azzarda (e noi lo si cita per intero):

Ma la stima sulla crescita, se affiancata al piccolo boom della produzione industriale registrato a marzo (+ 6,8% su base annua) dovrebbe essere sufficiente per mettere in soffitta la teoria del declino che ha caratterizzato l´ultimo anno del governo Berlusconi con la crescita zero del quarto trimestre 2005“.

Così il Corsera di ieri, 12 maggio 2006, a pagina 11 e a firma Roberto Bagnoli.

Piccolo boom?

Mh..

Piccolo boom?

Mh..

Va bene leccare il culo a Prodi, caro Mieli: ma non ti sembra di esagerare con gli acidi?

° 

Tracked back to The Crazy Rants of Samantha Burns, The Liberal Wrong Wing

° 

° 

6 Responses to "L´economia tira più di Lapo. E quasi quanto Mieli"

  • Giggimassi says:
  • Sgembo says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Sgembo says:
  • camelot says:
Leave a Comment