E anche Mastella ha sentito Moggi

Questi i fatti:Il 9 febbraio 2005, l´addetto stampa dell´attuale Ministro della Giustizia Mastella, Pietro De Angelis, ebbe una conversazione con Luciano Moggi.

Fin qui nessun stranezza. L´anomalia però, risiede nel fatto che l´addetto stampa di Mastella, parlò con Moggi per “concertare” una linea di difesa, che Mastella avrebbe dovuto avere, pubblicamente, nei confronti di Moggi.

In sostanza, siccome Moggi e i “suoi metodi” furono messi sotto accusa da Ermanno Pieroni, presidente dell´Ancona, Moggi chiese a Mastella di difenderlo pubblicamente.

Non solo.

Moggi pretese di concertare con l´addetto stampa del neo ministro, le cose che Mastella avrebbe dovuto dichiarare pubblicamente per difenderlo.

La vicenda evidentemente è squallida, e getta ulteriori ombre su un personaggio come Clemente Mastella, che per sua stessa confessione è stato testimone di nozze di un mafioso poi pentito, che è colui che fornì i documenti falsi a Bernardo Provenzano, perché questi potesse andare a Marsiglia a farsi operare.

Tuttavia, la cosa ancora più squallida, alla luce di queste nuove informazioni, sta nel fatto che Mastella abbia dichiarato, subito dopo essere stato nominato Ministro, che la prima cosa di cui si sarebbe voluto occupare, era proprio mettere fine a questa fuga di intercettazioni telefoniche.

Evidentemente sapeva che prima o poi sarebbe stato coinvolto anche lui.

In conclusione diciamo che se si dimettesse farebbe una cosa dignitosa!

2 Responses to "E anche Mastella ha sentito Moggi"

Leave a Comment