Bertinotti vuole abolire lo sfratto e reintrodurre l´equo canone

Dunque, è iniziata la “marcia” di Rifondazione Comunista finalizzata ad abolire la proprietà  privata, o quantomeno a limitare le dinamiche di mercato.° 

Chi pensava che la presenza di comunisti duri e puri all´interno della coalizione di centrosinistra, mai si sarebbe tradotta in politica di avversione al mercato e alla proprietà  privata, dovrà  ricredersi.

E´ stata presentata infatti alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica, una proposta di legge che ha come obiettivo il superamento del regime che disciplina il rapporto di locazione tra privati.

Attualmente è in vigore, dal 1998, la legge numero 431, anche nota come “legge Zagatti”. La quale in sostanza ha introdotto nel nostro paese il sistema di “contrattazione autonoma”: le parti si mettono d´accordo, proprietari e locatari, e decidono in piena autonomia e libertà , il canone di locazione che riguarda l´immobile.

Accanto a questo sistema “liberale” di accordo tra le parti, va anche detto che esiste un “canale secondario”: in sostanza le parti possono anche ricorrere ad una contrattazione agevolata, in cui il canone di locazione è deciso Comune per Comune, attraverso una negoziazione tra proprietari e organizzazioni di inquilini (in questo caso, a fronte delle minori entrate per i proprietari, si prevede un regime fiscale più vantaggioso).

Ciò premesso, va detto che l´obiettivo di Rifondazione Comunista è esplicito:

L´abolizione del canale della libera contrattazione dei canoni“.

Ma non finisce qui.

Perché i comunisti duri e puri di Bertinotti vogliono anche altro:

Il superamento dell´istituto dello sfratto per finita locazione“.

In sostanza, la disciplina attuale prevede che finito il periodo contrattuale di locazione (8 anni), il proprietario possa “chiedere” di rientrare in possesso dell´immobile. Previo ricorso, ovviamente alla magistratura. Previo ricorso ad una causa di sfratto.

Rifondazione Comunista, invece, vuole eliminare per legge ogni diritto di proprietà  sugli immobili locati: in sostanza chiunque fitti un appartamento, dovrà  anche “sposarsi a vita” l´inquilino cui ha locato l´immobile.

Una roba pazzesca, fuori dal mondo. Che oltretutto può avere ripercussioni negative non solo sul mercato immobiliare, ma può incidere profondissimamente sull´evasione fiscale.

Se io proprietario, sono costretto a prendere 4 euro di affitto, per un mio appartamento locato, è molto probabile che io decida di fittarlo “in nero”. Anche perché, se lo stato mi obbliga ad “accollarmi” a vita un locatario, senza possibilità  di sfrattarlo mai, io non ho alcun interesse a stipulare un contratto di locazione così gravoso.

Si aggiunga a ciò il fatto che il governo Prodi ha “minacciato” di voler rivedere gli estimi catastali, e il gioco è fatto: si vuole abolire per legge la proprietà  privata dei beni, e la libera contrattazione tra le parti.

Ciò che renda prospera e ricca una nazione.

Rischiamo di ritornare all´epoca buia dello “stato Leviatano” e padrone.

E non credo che ciò sia augurabile e nemmeno ammissibile!

Ci si deve preparare alle barricate!

Lo stato deve rimanere fuori dalla economia.

Lo stato non deve mettere il becco nelle dinamiche della domanda e della offerta.

Lo stato deve garantire al cittadino sicurezza interna ed esterna, sanità  ed istruzione.

L´economia la lasci ai privati!

° 

° 

Tracked back to third world county, Blue Star Chronicles, Adam´s Blog, The Crazy Rants of Samantha Burns

° 

12 Responses to "Bertinotti vuole abolire lo sfratto e reintrodurre l´equo canone"

  • moltitudini says:
  • moltitudini says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • moltitudini says:
  • moltitudini says:
  • Jinzo says:
  • capemaster says:
  • Emmebi says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment