Poveri ma ricchi. Menzogne e bufale

Dunque, su questo blog si è più volte evidenziato (anche ieri) come il “declinismo”, vale a dire l´attitudine propagandistica che si manifesta con il raccontare che l´Italia ha “le pezze al culo”, sia una assoluta menzogna.° 

Menzogna usata per disarcionare il governo Berlusconi. Menzogna usata dalla sinistra e dalla Stampa di Regime (Corriere della Sera e Repubblica) per instillare negli italiani la convinzione che Berlusconi aveva condotto questo nostro paese al baratro.

Menzogna, poi, che d´improvviso è svaporata. Con la vittoria dell´Unione si è registrata una inquietante “inversione di tendenza”: adesso la grande stampa ci racconta come l´economia italiana sia una locomotiva che corre. Anche parecchio.

Fino al giorno prima della “sinistra vittoria”, le prefiche del “declinismo”, invece, ci raccontavano un´Italia che non arrivava alla quarta settimana. I consumi in ristagno. L´Italia “in bolletta”.

Se volete ripercorrere queste menzogne, avete una sola possibilità : comprare il Foglio e con esso riceverete in omaggio il libro di Filippo Facci, che s´intitola: “Poveri ma ricchi. La favola del grande declino italiano”.

E´ un libro ben fatto. Un libro per chi voglia capire l´entità  delle menzogne succitate.

Un libro per persone serie!

° 

1 Response to "Poveri ma ricchi. Menzogne e bufale"

  • loredan says:
Leave a Comment