Prodi è un irresponsabile. Altro che serietà  al governo

Dunque, quando qualche giorno fa si venne a sapere che il terrorismo islamista stava preparando un attacco apocalittico, da realizzarsi mediante il dirottamento di dieci aerei in partenza dall´Inghilterra, il nostro Presidente del Consiglio, Romano Prodi, c´intimò di non preoccuparci.° 

L´Italia non correva nessun pericolo. Tutto sotto controllo. Tutto tranquillo. Le vacanze potevano continuare con la stessa serenità .

Tuttavia nemmeno 48 ore dopo, le nostre forze dell´ordine intraprendevano una dura repressione: mediante perquisizioni e il sequestro di materiale vario, e mediante quaranta arresti. Dico: quaranta arresti di islamici in “odore” di terrorismo. Assicurati, per cautela, alle patrie galere.

A questi arresti ha fatto seguito l´innalzamento dello stato d´allerta nel nostro territorio: una maggiore attenzione rivolta ai “punti sensibili”, ambasciate e consolati stranieri, centri commerciali, e aeroporti.

Insomma anche l´Italia, s´è scoperto, non era al riparo da attentati.

O quantomeno non era possibile affermare che da noi tutto ero tranquillo, tutto era sereno.

La leggerezza con cui Prodi ha affrontato e sta affrontando questo delicatissimo passaggio, la dice lunga sulla serietà  sua e del suo governo.

La stampa britannica (e non solo) sta mostrando la propria indipendenza e serietà , rimproverando a Blair di non essere ritornato in patria, non appena è venuto a conoscenza del pericolo stragista.

Blair ha deciso di continuare le sue vacanze ai Caraibi, e la stampa e l´opinione pubblica ha espresso il proprio sdegno verso questo gesto di plateale strafottenza!

Da noi, invece, e salvo rarissime circostanze, non si è manifestato lo stesso sdegno.

Il nostro Presidente del Consiglio è in ferie. Trascorre le sue giornate in beata e spensierata rilassatezza.

Qualche giorno fa, quando l´Inghilterra era in una condizione di massima allerta, abbiamo assistito alla scenetta mandata in onda dai telegiornali: Prodi (and C.) che festeggiava allegramente il suo sessantasettesimo compleanno.

Lunghi servizi sulla torta e sul brindisi con spumante francese (che esempio di amor patrio!).

Tutto tranquillo.

Una tranquillità , però, che non aveva alcuna attinenza, alcuna logica con la tragicità  e la delicatezza del momento: cavolo, si rischiava un nuovo 11 settembre!

Mentre il nostro Presidente del Consiglio, sorridente dichiarava, come la stampa ha riportato:

Nei giorni scorsi ho parlato anche troppo. Oggi è una giornata di disoccupazione. Sono qui per divertirmi e stamattina mi sono proprio divertito“, il Capo della Polizia, Giovanni De Gennaro, ai questori inviava una nota di massima allerta. Chiedendo di:

Verificare l´adeguatezza del dispositivo antiterrorismo in atto nel Paese alle accresciute esigenze di sicurezza“.

Si legga bene: “accresciute esigenze di sicurezza“.

Insomma: roba seria, roba grave. Niente che potesse essere accostato al beato festeggiamento del proprio compleanno!

Non solo.

In queste ore si dibatte sulla necessità  di mandare un contingente militare Onu, nel Sud del Libano.

Il nostro governo ha dichiarato che anche l´Italia parteciperà  con propri uomini. Per promuovere una situazione di ritorno alla normalità , in quei territori afflitti dalla guerra recente.

E´ probabile che il Parlamento italiano venga convocato in seduta straordinaria il 23 e il 24 agosto. Per deliberare al riguardo. O perlomeno dovranno riunirsi le commissioni parlamentari competenti.

Insomma il momento è di una delicatezza evidente. Richiede impegno e serietà .

Anche formali.

Richiede la percezione di un governo forte e attento. Premuroso e presente.

La televisione e i maggiori giornali, tuttavia, continuano a informarci con leggerezza, della vacanza del nostro Presidente del Consiglio.

Delle sue gite in bici, ad esempio.

E queste scene, ci sembrano semplicemente fuori luogo.

L´Italia è un Paese con molte falle: anche o soprattutto nel suo sistema di sicurezza interna.

Abbiamo circa 638 scuole di fondamentalismo islamico nel nostro Paese.

Molte di queste sono punti di raccolta e di formazione del terrorismo islamico.

Non sappiamo ancora con certezza, quanti potenziali terroristi in sonno alberghino nel nostro territorio.

In più con l´indulto sono stati scarcerati circa 30 potenziali terroristi, come su questo blog si è già  segnalato.

Insomma viviamo un passaggio delicato e gravido di preoccupazione.

L´Italia, grazie all´ottimo lavoro compiuto dal centrodestra (il Ministro Pisanu innanzitutto) e dai Servizi Segreti (Sismi in primis), è riuscita ad evitare attentati. Quasi un miracolo se si considera il nostro impegno militare per la salvaguardia della democrazia e della libertà , in territori come l´Iraq.

Insomma il fascismo islamista potrebbe volercela far pagare.

C´è bisogno, mai come in questo momento, di attenzione e di vigilanza.

E abbiamo bisogno di un governo che mostri la propria volontà  di difendere la incolumità  di noi cittadini.

Non abbiamo bisogno di vedere D´Alema in barca alle Eolie, o di apprendere che Prodi se la stia spassando come un matto.

Abbiamo bisogno di serietà .

Quella stessa serietà , che questi signori qui, in campagna elettorale c´avevano promesso!

Lavorate, imbecilli!

Tracked back to The Bullwinkle Blog, third world county, Blue Star Chronicles

° 

4 Responses to "Prodi è un irresponsabile. Altro che serietà  al governo"

  • pietro says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment