E la Rossanda si segnala per un´altra affermazione imbarazzante

Si è raccontato, qualche giorno fa, come la Rossanda sia usa a sortite davvero imbarazzanti. Per non dire peggio.° ° 

Questa l´affermazione incriminata, di cui si è data contezza nel post precedente:

I meriti dello sviluppo stalinista, i benefici dell´alfabetizzazione e dell´industrializzazione, l´aumento della produttività , il rafforzamento dell´urbanizzazione, la liberazione delle donne, pesano più delle vite di qualche milione di vittime“.

Questa volta, invece, la Rossanda (sempre dalle colonne del Manifesto) fa l´apologia della Cina maoista.

Con queste parole:

Mao ha fatto per il settanta per cento cose giuste e per il trenta per cento le cose sbagliate. Grazie al suo settanta per cento noi siamo in giusto differente. Onore a Mao“.

Ma il clou la Rossanda lo raggiunge qui:

Si parla di un milione di morti nella rivoluzione culturale come si è parlato di otto milioni di morti nella carestia provocata dal Grande balzo, ma sono rilevazioni più dei demografi, a posteriori, che basate su una documentazione, forse impossibile“.

E poi conclude, affermando, che cosa° è “un milione di morti su quasi un miliardo di popolazione?“.

Nulla, davvero nulla!

Complimenti vivissimi alla Rossanda: democratica come poche persone!

° 

° 

14 Responses to "E la Rossanda si segnala per un´altra affermazione imbarazzante"

  • etienne64 says:
  • Nihil says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Kaelidan says:
  • camelot says:
  • re Artù says:
  • megaherZ says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • re Artù says:
  • NEZ says:
  • camelot says:
Leave a Comment