Attenti alla truffa: la Finanziaria è una stangata

La stangata di Prodi foto di Giggi Massi

E´ come quando il dito indica la luna: lo stolto guarda il dito, l´uomo saggio guarda la luna.° ° 

Cercate di farvi furbi!

Allora, come ci documenta il Corriere della Sera, con la nuova Finanziaria s´introduce una riduzione delle aliquote che riguarda alcuni scaglioni di reddito. Ecco a voi:

– da 15001 a 28000 si passa dal 33% al 27%

– da 28001 a 55000 si passa dal 39% al 38%

° 

Talchè, valutando questa sforbiciata alle aliquote, si potrebbe essere indotti a ritenere che il governo Prodi abbia voluto favorire una parte dei cittadini: quelli con redditi medi e medio/bassi.

E qui sta l´inganno, o meglio la truffa!

Su questo blog lo si è già  documentato. La notizia, oltretutto, l´ha data anche quella che io chiamo la “Stampa di Regime”, vale a dire Repubblica e il Corriere della Sera: attenti a ciò che la Finanziaria prevede per le amministrazioni locali!

Attenti, perché lì si cela l´inganno.

Innanzitutto è previsto lo sblocco delle addizionali Irap e Ire (ex Irpef).

Quindi, se il governo nazionale riduce ad alcuni la pressione fiscale (con una mano dà ), a livello locale, le amministrazioni aumenteranno la pressione fiscale (l´altra mano toglie). Vedremo sulla nostra pelle se il saldo tra ciò che ci viene dato (a livello nazionale) e ciò che ci viene tolto (a livello locale) sarà  positivo. Ma non fatevi ingannare!

Ancora.

Sempre a livello “locale” si attribuisce la gestione diretta del catasto, delle rendite catastali e dell´imposta di registro!

Questo vuol dire inequivocabilmente che aumenteranno le rendite catastali e l´Ici.

Siccome la casa di proprietà  ce l´ha l´85% degli italiani, si prepara o no una stangata a danno di chiunque possieda una casa?

Certo che si prepara!

Ancora.

Sempre a livello locale si è attribuito il “potere”, attraverso le cosiddette “tasse di scopo”, di introdurre nuovi tributi. Nuove tasse. Nuovi balzelli!

Chiamateli come vi pare, ma in ultima analisi si tratta di soldi. Soldi e soldi.

Che voi ed io pagheremo in più!

Ancora.

Sappiamo tutti che è stato deciso l´aumento del prelievo sulle rendite finanziarie (anche Bot e Btp), dal 12,5% al 20%.

Ora, i soldini in Bot e Btp ce li mettono i poveri cristi o le persone comuni: impiegati, operai, pensionati, e piccola borghesia.

Se lo stato mi riduce le aliquote, ma poi mi aumenta la tassazione sul risparmio, io ci guadagno o forse, nella migliore delle ipotesi ci pareggio?

Qualcuno aggiungerà : caro Camelot, però non stai raccontando che si riduce la pressione fiscale sui depositi bancari.

E io rispondo: falso, l´ho appena ricordato!

Solo che ridurre il “prelievo” sui depositi bancari, non serve a quelli come voi e me, che sul conto corrente hanno 4 euro: serve ai plurimilionari!

A quelli che hanno talmente tanti soldi, che possono anche permettersi di averne tanti sul conto corrente. Il quale conto corrente, siccome non rende più un tubo (perché l´inflazione bassa ha come contraltare bassi tassi d´interesse, una bassa remuneratività ), se tu pure riduci il “prelievo” sullo stesso (conto corrente), il cittadino comune, l´uomo medio, al massimo ci guadagnerà  50 euro in un anno!

E voi 50 euro di risparmio in un anno me lo chiamate RISPARMIO?

Ma andiamo!

E concludo: ognuno giudichi le misure contenute in questa Finanziaria come meglio crede. Ci mancherebbe!

La vita è fatta di sogni ed illusioni, anche.

Talchè se uno vuole convincersi che questo governo faccia l´interesse dei meno abbienti, per carità : si accomodi pure e lo pensi!

Tuttavia è una menzogna!

E almeno su questo blog lo si continuerà  a ribadire!

Update:

Il Corriere della Sera fa delle simulazioni, prendendo a modello una famiglia composta da un lavoratore dipendente, con moglie e due figli a carico.

Allora, con un reddito lordo annuo di 21.500 euro, pari ad un reddito netto mensile di 1.468 euro, si risparmieranno 61 euro mensili.

Con un reddito lordo annuo pari a 25.000 euro, pari ad un reddito netto mensile di 1.651 euro, si risparmieranno 52 euro mensili.

Con un reddito lordo annuo di 28.000 euro, pari ad un reddito mensile netto di 1.807 euro, si risparmieranno 43 euro mensili.

Quindi, con la misura varata dall´Unione, quelli che beneficeranno dello sgravio fiscale, avranno in più ogni giorno nel portafogli, una somma che varia da 1,43 euro a 2,03 euro (ho calcolato un mese di trenta giorni).

Risparmio, ripeto, che va da 1,43 euro a 2,03 euro giornalieri.

Adesso sì che siamo più ricchi!

P.S.: il banner che vedete al principio del post è stato realizzato da Giggi Massi.

° 

40 Responses to "Attenti alla truffa: la Finanziaria è una stangata"

  • Bruno says:
  • camelot says:
  • etienne64 says:
  • camelot says:
  • Pignolo says:
  • camelot says:
  • Kaelidan says:
  • camelot says:
  • RiGiTaN's says:
  • camelot says:
  • RiGiTaN's says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Zia Concetta says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • etienne64 says:
  • Rudolf von Sebottendorf says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Nilo says:
  • camelot says:
  • Giggimassi says:
  • RiGiTaN's says:
  • simo says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Lameduck says:
  • camelot says:
  • RiGiTaN's says:
  • Lameduck says:
Leave a Comment