Brevissimo elogio del linguaggio politicamente scorretto

Clemente Mastella foto

Il buonismo.° 

Il linguaggio affettato, cordiale e così tanto politicamente corretto da approdare al “correttismo”, mi fa stomacare.

Anche se spesso mi genufletto ad esso. Come d´altra parte molti altri che scrivono su un blog.

E mi ci genufletto per pavidità . Assoluta e totale vigliaccheria! Non voglio recar fastidio a chi mi legge, o urtare la sua sensibilità .

Ma vuoi mettere la libidine di usare un linguaggio “franco”, chiaro, sincero e anche molto colorito?

Cazzo, mi si censurerebbe. Ma vuoi mettere la liberazione?

Sicchè, chiunque dica quello che pensa, e con linguaggio spontaneo e non “meditato”, merita il mio rispetto e la mia ammirazione.

E quindi faccio i complimenti a Clemente Mastella, per questa dichiarazione:

Usque tandem Catilina abutere patientia nostra… la pazienza è finita, mi sono rotto i coglioni di Di Pietro“.

Ecco, siccome voglio rimediare ai miei errori del passato, provo a non “filtrare” più il mio linguaggio:

Mastella, ma lo sai che tua moglie è proprio un pezzo di chiavatone? :mrgreen:

Sandra Lonardo Mastella foto

° 

° 

8 Responses to "Brevissimo elogio del linguaggio politicamente scorretto"

  • laura says:
  • camelot says:
  • Andrea Giova says:
  • camelot says:
  • Kaelidan says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment