Giuliano Amato: da “coniglio bianco su sfondo bianco” a camicia nera

Giuliano Amato foto

Lo hanno sempre definito così: un coniglio bianco su sfondo bianco.° ° 

Per rappresentarne l´insussistenza politica. Ma ancora di più: per tinteggiarne l´assoluta assenza di carattere.

Capirai, costui faceva il lacché di Craxi.

E a Craxi deve la sua fortuna: politica ed economica (visto che è percettore di una pensione di 39 milioni di vecchie lire al mese).

Quando tuttavia il segretario del Psi finì in disgrazia, il buon “professor sottile” si dimenticò di lui.

Craxi: e chi è costui?

“Verginella” si finse!

Oggi, per mostrarsi “uomo con gli attributi”, fa una sortita degna del migliore Calderoli o del migliore Tremaglia. E a proposito dei clienti delle prostitute, dice:

Non ho alcuna obiezione a prendersela con i clienti. Quando si cita la privacy a difesa di uno squallido maschio che gira per la Salaria alla ricerca di ragazze dalle quali ottenere a pagamento ciò che non sa ottenere altrimenti, beh, della sua privacy mi interessa ben poco“.

Caro Amato, a quando il saluto romano?

Update:

La talentata e comunista Vladimir Luxuria insegna ad Amato cosa voglia dire l´aggettivo liberale.

° 

7 Responses to "Giuliano Amato: da “coniglio bianco su sfondo bianco” a camicia nera"

  • Sgembo says:
  • camelot says:
  • Kaelidan says:
  • camelot says:
  • Kaelidan says:
  • Kaelidan says:
  • camelot says:
Leave a Comment