Ho dovuto bannare un NaziComunista

La faccio breve, perché la vicenda, per quanto sia inquietante non merita tuttavia troppa attenzione.° 

Come potete verificare nei commenti al post titolato “Lo sfogo di Gianpaolo Pansa”, ce n´è uno che presenta un contenuto sconvolgente, e per questo emblematico.

Ve lo riporto, è scritto da tale Mauro:

“Tante parole, pochi concetti, nessuna prova. Metodi che usate da sempre. Siete e resterete INFERIORI da qualunque punto di vista.

Ignorante. Vai a leggere Croce e scopri perchè i professori avevano la tessera del P.N.F.Da antifascisti tesserati hanno salvato l´università . Potrei sbugiardarti anche su tutto il resto ma non ne vale nemmeno la pena.

non so tu in che pianeta vivi, ma qui sul pianeta Terra, in una piccola penisola che forse conosci, sono considerati grandi geni del pensiero ed osannati in TV e sulla carta stampata proprio le Oriane Fallaci, i Giampaoli Pansa, ecc. La cosa più pietosa è che costoro passano il tempo a propagare questa vera e propria leggenda urbana della “congiura del silenzio” ai propri danni… e magari lo fanno dalle prime pagine dei più importanti quotidiani”.

Innanzitutto procediamo per gradi.

Che significa “metodi che usate da sempre”?

Chi saremmo “noi” che usiamo questi metodi?

Lo si capisce da un altro commento, di questo Mauro:

“Non è che a furia di ripetere cazzate le si fa diventare vere (come pensava di fare Goebbels…). I “segreti” scoperti da Pansa e dai feticisti delle foibe sono fatti risaputi da decenni. E in molti casi si tratta di pagine niente affatto vergognose, direi piuttosto epiche, della storia italiana o jugoslava”.

Da questo commento si apprende che “noi” (riferito a me) saremmo come il nazista Goebbels.

E i “metodi che usate da sempre”, quindi, sarebbero le “cazzate”, che se ripetute le si fa diventare verità .

Il sottoscritto paragonato ad un nazista?

Io?

Ma andiamo avanti, perché l´uomo è un personaggio altamente rappresentativo di quella sottocultura da semianalfabeti che molti comunisti esprimono.

Il giovanotto (che dovrebbe tornare a scuola), con un odio fascistissimo attacca la Fallaci e Pansa. In qualche modo accomunandoli, per le finalità  politiche, al sottoscritto.

Bon. Apriamo una breve parentesi.

Pansa è uomo di sinistra e sempre tale è stato.

Oriana Fallaci, non solo è sempre stata di sinistra. Ma ha partecipato alla Resistenza. E´ stata una partigiana. Azionista.

Cioè, questo povero fessacchiotto, ha accomunato me che sono un liberale di destra, a due persone di sinistra, che da me sono profondamente distanti. Politicamente parlando.

Perché ha fatto ciò?

Perché la Fallaci e Pansa hanno “osato” dire qualche verità . Taciute dal Fascismo Rosso a suon di scomuniche. Spranghe e olio di ricino!

E la libertà , quelli che democratici non sono, non la tollerano.

Chi ha attaccato Pansa a Reggio Emilia, ha agito da Nazista.

I Nazisti bruciavano i libri.

E i NaziComunisti hanno impedito la presentazione di un libro, a Reggio Emilia!

Poi, l´ometto semianalfabeta dice:

“I “segreti” scoperti da Pansa e dai feticisti delle foibe sono fatti risaputi da decenni. E in molti casi si tratta di pagine niente affatto vergognose, direi piuttosto epiche, della storia italiana o jugoslava”.

E allora perché ti incazzi se Pansa li ripete?

Sono cose risapute?

E allora non c´è niente di cui sconvolgersi!

E invece, purtroppo, i crimini delle Foibe, avvenuti con il benestare del criminale Togliatti, non sono conosciuti.

Prova ne sia il commento allo stesso post, di Maria Carla:

“Ho 21 anni e posso testimoniare che in 5 anni di liceo e 3 di università (facoltà  di lettere con vari esami di storia anche contemporanea) non si è mai parlato di foibe, tito o triangolo della morte…magari si è speso un mese di lezioni ad analizzare le abitudini dei contadini medievali ma mai un documentario, un testo o qualunque cosa potesse farci capire cosa fosse realmente accaduto…”.

Dunque, lei testimonia come né all´interno della scuola, né in una facoltà  umanistica dove gli esami di storia contemporanea si fanno, tali informazione vengano divulgate.

Se è accaduto a lei, sarà  accaduto anche ad altri. Purtroppo.

Ma il NaziComunista Mauro, non vuole che si parli male del Comunismo e dei comunisti, per un´altra ragione, che è quella che mi ha spinto a bannarlo.

Leggete:

“Siete e resterete INFERIORI da qualunque punto di vista”.

Se avesse anche aggiunto che il sottoscritto appartiene ad una “razza INFERIORE”, lo avrei denunciato all´autorità  giudiziaria.

Visto che non l´ha detto, mi sono limitato a bannarlo.

Un NaziComunista non può essere ammesso al dibattito democratico!

Che questo episodio aiuti a capire chi sono i comunisti!

Vale a dire gli ultimi Fascisti rimasti in circolazione!

° 

25 Responses to "Ho dovuto bannare un NaziComunista"

  • laura says:
  • laura says:
  • etienne64 says:
  • Mizarin says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Mizarin says:
  • camelot says:
  • Zia Concetta says:
  • camelot says:
  • Mizarin says:
  • camelot says:
  • Kaelidan says:
  • Mizarin says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Kaelidan says:
  • camelot says:
  • ischerzo says:
  • camelot says:
  • ischerzo says:
Leave a Comment