Un certo tipo di Islam, le donne, il velo e gli stupri

Burqa foto

L´Islam non è tutto eguale. Per fortuna.° 

Taj Din Al Hilali è un imam.

Esercita a Sidney, in Australia.

Di recente ha pronunciato un sermone, per la festa dell´Eid al Fitr.

E ha parlato degli stupri che le donne patiscono:

Quanto alla fornicazione, ne sono responsabili al 90% le donne“.

Queste le sue argomentazioni:

Se prendi un chilo di carne e non lo metti in frigo o nella pentola o in cucina, ma lo lasci su un piatto in giardino e poi litighi con il tuo vicino perché il suo gatto mangia la carne, sei pazzo“.

Dunque se una donna è stuprata è colpa sua.

Come la carne, andrebbe riposta in “frigo”. Sotto un burqa. Meglio ancora se fosse segregata in casa!

L´Islam non è tutto eguale. Per fortuna.

A Parigi c´è un quartiere che prende nome dalla Chiesa di Saint-Denis.

E´ un quartiere con una presenza di musulmani quasi maggioritaria.

Quelli e soprattutto quelle che musulmane non sono, devono regolarsi di conseguenza per non avere “grane”.

Claudine è una studentessa fuori sede di Limoges. Malgrado sia cristiana si è imposta il velo:

E´ l´unico vero vantaggio di vivere in questa banlieu a maggioranza islamica: se appari musulmana è più raro, praticamente impossibile, che ti scippino o ti violentino per la strada“.

Da casa alla stazione del metro, fino all´università , rimango coperta come un fantasma. Poi, alla toilette, me lo tolgo e lo ripiego nello zainetto fino a quando devo tornare a casa“.

L´Islam non è tutto eguale, per fortuna.

Ma a volte è peggio di quello che si possa credere!

° 

15 Responses to "Un certo tipo di Islam, le donne, il velo e gli stupri"

  • Kaelidan says:
  • camelot says:
  • Filippo84 says:
  • G.L. says:
  • G.L. says:
  • Zia Concetta says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Mizarin says:
  • paolo77 says:
  • camelot says:
  • paolo77 says:
  • camelot says:
Leave a Comment