Napoli e la Campania sono tumori. Bassolino e la Iervolino sono le metastasi

Antonio Bassolino foto

Rosa Russo Iervolino foto

Napoli e la Campania sono tumori. Bassolino e la Iervolino sono le metastasi.° ° 

Domenico Tuccillo, deputato dell´Ulivo:

Si è creato un potere senza alternativa. A Napoli come nella Regione. Bassolino negli anni si è radicato. Poi sono arrivati due nuovi supporti: Ciriaco De Mita e Clemente Mastella ed è stata portata quell´incapace pazza di Rosa Russo Iervolino alla guida del Comune di Napoli. Risultato: gli altri vengono soffocati. Un po´ come avviene anche sul versante dell´opposizione dove i due fratelli Martusciello, malgrado le sconfitte elettorali, restano al vertice di Forza Italia. Tutto è regolato sul compromesso che hanno stipulato a livello regionale Bassolino e De Mita. E il compromesso resiste malgrado le delusioni patite da quest´ultimo che avrebbe voluto fare o il presidente della Camera o il ministro delle Riforme. E´ naturale che la Regione soffra questa condizione: sapete cosa succede quanto un sistema politico viene privato di una possibile alternativa?“.

Napoli e la Campania sono tumori. Bassolino e la Iervolino sono le metastasi.

Daniela Lepore, docente universitaria alla Federico II e persona di sinistra:

La politica simbolica doveva essere sostenuta da un ricambio della classe dirigente. Invece, finita la quarantena, sono tornati a galla gli stessi notabili che avevano girato intorno al pentapartito. Il giacobinismo dell´inizio ha ceduto il passo al negoziato di vecchio stampo, senza che si riuscisse a trovare una via intermedia. E le energie sollevate sono andate disperse“.

Napoli e la Campania sono tumori. Bassolino e la Iervolino sono le metastasi.

Roberto De Simone, regista teatrale tra i più importanti in Italia. Musicista, compositore e uomo di sinistra:

Si è fatto leva soltanto sull´effimero senza mettere a punto un progetto culturale a lunga scadenza. Il terribile presente che abbiamo sotto gli occhi è la naturale evoluzione di quella scelta, perché non è con i “pannicelli caldi” che si modifica il corso della storia. Qualche settimana fa, durante un concerto, ho detto che l´arte deve esprimere il malessere della città , non può farne a meno. Soltanto così, forse, la voce del dramma che stiamo vivendo riuscirà  ad arrivare anche là  dove oggi nessuno sembra ascoltarla“.

Napoli e la Campania sono tumori. Bassolino e la Iervolino sono le metastasi.

Daniele Sepe, sassofonista jazz. Qualcuno lo paragona a Frank Zappa:

Bisogna smetterla con queste false mitologie. La camorra faceva affari anche allora, ma non se ne parlava. Il meccanismo è sempre lo stesso: si accendono i riflettori e, nel bene o nel male, si offre un´immagine distorta della città . Mi chiedo, ad esempio, se quella attuale sia un´emergenza vera o l´ennesima costruzione mediatica: francamente a me non sembra che la situazione sia tanto diversa dal passato. Assisteremo al solito copione: spediranno qualche poliziotto in più per tranquillizzare i benpensanti del centro e si guarderanno bene dall´intaccare gli interessi economici delle cosche. Se non siamo riusciti a invertire la rotta, è colpa anche del centrosinistra e di una classe dirigente che ha dimostrato tutta la sua inadeguatezza“.

Napoli e la Campania sono tumori. Bassolino e la Iervolino sono le metastasi.

Nicola Quatrano, magistrato. Si è occupato delle inchieste della Tangentopoli campana e napoletana:

Siamo immersi in un clima che ricorda gli anni Ottanta. Il cosiddetto Rinascimento Napoletano cambiò poco o nulla. La città  in gran parte rimase alla finestra, aspettando di vedere come sarebbe andata per balzare poi sul carro dei vincitori. Il guaio è che dal carro, al momento giusto, vennero fatti scendere tutti quelli che l´avevano trascinato fin lì e furono imbarcati i rottami del passato opportunisticamente riverniciati. Come risultato, ci ritroviamo oggi con una classe dirigente fra le più scadenti d´Italia. E non parlo solo dei leader politici, ma di un intero ceto civile che ha badato a conservare i privilegi, rigettando ogni assunzione di responsabilità “.

Napoli e la Campania sono tumori. Bassolino e la Iervolino sono le metastasi.

E vanno estirpate!

Altrimenti Napoli rimarrà  ciò che è: la Capitale morale e materiale della corruzione e degli illeciti!

° 

10 Responses to "Napoli e la Campania sono tumori. Bassolino e la Iervolino sono le metastasi"

  • RiGiTaN's says:
  • Lameduck says:
  • camelot says:
  • paolo77 says:
  • camelot says:
  • statominimo says:
  • peppe says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment