Di Pietro e la sconfitta dell´Unione in Molise

Antonio Di Pietro foto

Com´è noto, il centrodestra è riuscito a vincere nel Molise.° ° 

Si tratta, ovviamente, di una mezza vittoria: la Regione era già  guidata dalla Cdl.

Quindi, enfasi più di tanto al successo elettorale, a mio avviso non se ne può dare.

Tuttavia, significativo appare il malumore che questo risultato ha prodotto nell´Unione.

Forse s´attendevano un risultato migliore. Forse hanno perso con un divario la cui entità  non avevano previsto.

Di rilievo appaiono alcune esternazioni di Di Pietro. Particolarmente adirato con la sua coalizione:

Si possono trovare mille giustificazioni alla sconfitta, ma la verità  è una e una sola. Potevamo vincere e invece abbiamo perso“.

Il concetto è talmente profondo, che io ancora non l´ho capito!

Andiamo avanti.

Questo risultato dimostra che c´è una enorme differenza tra il politichese che si parla nei palazzi e il sentimento della società  civile. Il fatto che un partito come il nostro abbia raddoppiato vuol dire che è stata premiata la nostra presenza sul territorio. Alle ultime Regionali avevamo quasi 17 punti di distacco dal centrodestra, alle Politiche abbiamo recuperato il gap e ora siamo tornati ai livelli del 2001 e se non è una dèbacle è solo grazie a noi. E sarebbe offensivo che ora qualcuno nell´Unione si mettesse a fare sermoni, a dire che Iorio ha vinto solo perché ha saputo ottenere il voto clientelare. Eh no, il risultato del Molise va rispettato“.

E poi spiega il dettaglio dei voti dell´Unione, alla giornalista:

Guardi qua, Ds e Margherita insieme non superano il venti. Dove sta l´Ulivo? Non avevano il trenta alle Politiche? Mancano i loro voti, i voti di Fassino e Rutelli. Si sono opposti con tutte le forze alle primarie e il risultato è che il partito del candidato presidente, la Margherita, ha preso meno voti che nel 2001. Una sostanziale dèbacle. Ho implorato perché facessimo una chiusura unitaria della campagna, ma loro si sono opposti. Il cittadino non visto la squadra, ma solo leader di partito alla ricerca di un consenso personale“.

Parla di sé?

Ancora:

Lui non c´entra poverino (Roberto Ruta, candidato dall´Unione, ndr). E´ che i partiti non hanno permesso di scegliere un candidato migliore. Ma adesso devono starmi a sentire, da domani le cose cambiano in Molise. Finora il duopolio Ds Margherita ha impedito a tutte le altre forze di esprimere i loro candidati e di fare politica attiva sul territorio. Una lottizzazione nelle istituzioni locali, con cui hanno cercato di impedire agli altri di emergere. Noi non ci montiamo la testa, ma oggi che l´Idv (l´Italia dei Valori, il movimento di Di Pietro, ndr) ha ottenuto un risultato pari al loro dovrà  assumere la leadership della ricostruzione dell´alleanza in Molise“.

Insomma Di Pietro invoca più lottizzazione per tutti, e più potere per sé.

Ancora:

I primi cento giorni hanno creato molta incertezza e confusione nell´elettorato, la gente non ha capito dove sia la novità  di questo governo, l´unica cosa che gli italiani capiscono è che non è cambiato nulla. Con questa Finanziaria abbiamo impaurito la piccola e media industria, abbiamo spaventato l´elettorato tipico molisano, l´artigiano, il lavoratore autonomo. E la prova del nove è il risultato dell´Idv, un partito che non si è allineato, tanto che gli alleati hanno il mal di pancia nei nostri confronti“.

E poi conclude:

Quando una coalizione è al governo e il risultato delle ultime Politiche la dà  vincente, minimizzare è un fatto grave, vuol dire non vedere oltre il proprio naso. La vittoria di Idv e la sconfitta dell´Unione devono far riflettere“.

E se lo dice lui! 😉

° 

P.S.: intanto, come rendiconta la blogstar, a Napoli (mia città ) si preferisce cazzeggiare allo stadio, anziché risolvere i problemi di sicurezza della stessa.

° 

11 Responses to "Di Pietro e la sconfitta dell´Unione in Molise"

  • etienne64 says:
  • camelot says:
  • tielf says:
  • prefe says:
  • tielf says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • tielf says:
  • camelot says:
Leave a Comment