Altre parole illuminanti di Papa Ratzinger

Papa Benedetto XVI Ratzinger foto

Parlando a proposito dell´Aids e di altre malattie terminali, Papa Benedetto XVI ha detto:° 

Impressionante è il numero e la varietà  dei modi con cui esse minacciano, spesso mortalmente, la vita umana anche in questo nostro tempo termini quali lebbra, peste, tubercolosi, Aids, ebola evocano drammatici scenari di dolore e di paura. Dolore per le vittime e per i loro cari, spesso schiacciati da un senso di impotenza di fronte alla gravità  inesorabile del male“.

Tra i pregiudizi che ostacolano o limitano un aiuto efficace alle vittime di malattie infettive c’è l’atteggiamento di indifferenza e persino di esclusione e rigetto nei loro confronti, che emerge a volte nella società  del benessere. è una pericolosa tendenza culturale che porta a porre se stessi al centro, a chiudersi nel proprio piccolo mondo, a rifuggire dall’impegnarsi nel servire chi è nel bisogno“.

L’impegno umano non deve mai arrendersi nel cercare mezzi e modalità  di intervento più efficaci per combattere questi mali e per ridurre i disagi di quanti ne sono vittime“.

Papa Ratzinger ha poi sostenuto:

quanto sia importante la collaborazione con le varie istanze pubbliche, perché venga attuata la giustizia sociale in un delicato settore come quello della cura e dell´assistenza ai malati infettivi“.

E ha fatto riferimento anche:

all’equa distribuzione delle risorse per la ricerca e la terapia, come pure alla promozione di condizioni di vita che frenino l’insorgere e l’espandersi delle malattie infettive“.

Chissà  che pensano di queste parole gli atei, i laicisti e gli anticlericali di sinistra.

Ovviamente io credo che° le condividano dalla A alla Z.

Ma non possono dirlo: darebbero ragione al loro “nemico a priori”. 😉

° 

7 Responses to "Altre parole illuminanti di Papa Ratzinger"

  • prefe says:
  • Kaelidan says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment