A sinistra ci sono ancora troppi fascisti: il caso Deaglio

Dovevo scrivere d´altro, ma non posso prescindere dal commentare ancora l´affaire Deaglio.° ° 

Leggendo, infatti, i commenti al post di ieri – in cui si riferiva la circostanza che Deaglio risulta indagato per le menzogne propalate nel suo Dvd – mi sono accorto di una cosa: a sinistra della verità , non gliene fotte un cazzo ad alcuno!

Procediamo per gradi.

Innanzitutto, perché Deaglio risulta indagato?

Deaglio risulta indagato perché nel suo Dvd ha diffuso notizie completamente false.

Ha detto che le schede bianche sono scomparse, perché grazie ad un software sono state invece trasformate in voti a Forza Italia.

Bene.

Queste informazioni sono assolutamente menzognere e calunniose.

Innanzitutto perché Deaglio, in mala fede, ignora che il voto in Italia sia cartaceo!

Avviene nei seggi. Successivamente le informazioni sono diffuse alle Prefetture – che sono 25 – poi alle Corti d´Appello.

Infine la Cassazione, entro venti giorni dalla data del voto, deve verificare il materiale, e poi comunica il dato ufficiale.

Bene.

Quindi nessuna possibilità  c´è mai stata di adoperare un software, per assegnare le schede bianche, trasformandole in voti favorevoli a Forza Italia.

Ora, un giornalista che dica cose false, commette un illecito?

Ovvio che sì.

Un giornalista, “anche se di sinistra”, che dica cose palesemente false e in più calunniose, deve essere chiamato a risponderne?

Ovvio che sì!

Evidentemente, però, a sinistra ciò non lo si accetta.

Si vuole uccidere Berlusconi, e quindi si accetta anche che un giornalista faccia un´inchiesta in cui sono diffuse informazioni completamente false, purché siano utili a gettare merda su Berlusconi e su Forza Italia!

Ancora.

Siccome c´è non solo mala fede a sinistra, ma troppa ignoranza, si dice anche: “Ma Berlusconi ha parlato lui per primo di brogli, perché non è stato indagato?”.

Primo, non chiedetelo a me, ma chiedetelo ai giudici.

Secondo, esiste il primo comma dell´articolo 68 della Costituzione, che dice:

“I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell´esercizio delle loro funzioni”.
Terzo. Berlusconi e Deaglio non posso essere paragonati: Deaglio è un qualsiasi giornalista, “anche se di sinistra”, Berlusconi è un parlamentare ed è il Capo dell´opposizione. E l´opposizione, in una democrazia – ma voi la democrazia la volete veramente? – ha un ruolo fondamentale. E se il Capo dell´opposizione dichiara che possono esserci stati dei brogli, CHIUNQUE SIA IL CAPO DELL‘OPPOSIZIONE, quello che dice ha un valore enorme.

Quarto. Berlusconi ha parlato di brogli e ha chiesto il riconteggio, perché la Cdl al Senato ha vinto per oltre 200.000 voti, e alla Camera ha perso per 24.000 voti.

Ora, siccome la Cdl alla Camera ha perso con uno scarto dello 0,6 per mille (e al Senato ha vinto), era abbastanza legittimo chiedere: “Siccome al Senato abbiamo vinto per 200.000 voti, e alla Camera risulta che abbiamo perso per uno 0,6 per mille, non sarebbe opportuno ricontare i voti?”.

A sinistra – per fortuna qualche democratico lo si trova ancora – Di Pietro, in più di una circostanza e ieri sera a Matrix un´altra volta – ha detto che ha ragione il centrodestra a richiedere il riconteggio.

Ripeto: ancora ieri sera Di Pietro, ospite a Matrix assieme a Scaiola di Forza Italia, ha detto: “E´ giusto che il centrodestra ottenga il riconteggio. Perché il margine con cui ha perso alla Camera dei Deputati è talmente risicato, che potrebbe darsi che l´Unione non abbia vinto. E occorre avere certezza”.

Ora, e concludo:

Capisco che le menzogne propalate da Deaglio abbiano riacceso i cuori dei fascisti di sinistra.

Capisco che l´idea – fornita dal Teorema Deaglio – che Berlusconi avesse provato a fare un golpe, abbia fornito nuove speranze ai fascisti di sinistra.

Ma mi chiedo: ma avete capito che si trattava di menzogne assolute, o siete talmente fascisti che non vene fotte un cazzo della verità , perché voi Berlusconi lo volete morto o al gabbio, a qualunque costo e a priori?

Lo confesso: mi fate paura!

E non esagero affatto!

P.S.: leggete questo articolo del Corsera, così capite come funziona il conteggio dei voti in Italia.

° 

10 Responses to "A sinistra ci sono ancora troppi fascisti: il caso Deaglio"

  • ilaria says:
  • prefe says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • etienne64 says:
  • camelot says:
  • etienne64 says:
  • camelot says:
Leave a Comment