L´Unione e gli intrallazzi contenuti nella Finanziaria. Di Pietro e la paraculaggine

Antonio Di Pietro foto

Dunque, in queste ore sta svolgendosi al Senato il voto sul maxiemendamento alla Finanziaria.° 

Un documento corposissimo, che di fatto verrà  votato quasi al buio.

Senza cioè conoscenza precisa e puntuale del suo contenuto, da parte di chi lo approverà 

Ma stamane è scoppiata anche una bagarre: l´ennesima.

Che ha per protagonista Antonio Di Pietro.

Il quale probabilmente vive su un altro pianeta, perché solo oggi è venuto a sapere dell´esistenza di un emendamento avanzato dalla sua maggioranza.

Il quale fa riferimento alla prescrizione dei reati contabili compiuti dalla Corte dei Conti.

Vediamo cosa ha detto Di Pietro in proposito:

La Finanziaria serve al Paese e noi l’approveremo, ma, il giorno dopo, un chiarimento politico sul tema della legalità  e della giustizia è improcrastinabile per il mantenimento stesso della nostra presenza in questa maggioranza. Perché qui c’è qualcuno che ha tradito la buona fede. E´ un chiarimento politico irrinunciabile perché non siamo qui a farci prendere in giro da chi utilizza strumenti leciti per fini immorali“.

Ancora Di Pietro a proposito dell‘emendamento contestato:

è un emendamento che porta l’Unione a comportarsi alla Berlusconi maniera. Io e l’Italia dei Valori abbiamo combattuto per cinque anni le leggi ad personam del governo Berlusconi e con un sotterfugio viene introdotta questa norma che di fatto impedisce allo Stato di recuperare le somme che funzionari e dipendenti corrotti dello Stato si erano appropriati. è grave soprattutto perché questo emendamento carpisce la buona fede di chi come me al governo si è fidato del fatto che il maxi-emendamento governativo fosse nel pieno rispetto del programma dell’Unione e che oggi si trova ad avere una responsabilità  oggettiva per un emendamento non concordato, non voluto, che mai avremmo approvato e che mai approveremo“.

Chiediamo un chiarimento politico al governo e alla maggioranza, non per questa Finanziaria che ormai è agli sgoccioli e di cui il Paese ha bisogno e che approveremo. Ma per rimanere noi stessi dell’Italia dei Valori all’interno di una maggioranza, che sui temi della giustizia scimmiotteggia troppo il centrodestra“.

Insomma, l´Unione fa allegramente i suoi intrallazzi. Usando finanche un provvedimento su cui applica la fiducia: quindi il centrosinistra lo deve votare, altrimenti cade il governo Prodi.

E Di Pietro – chi sa se per paraculaggine o per stupidità  – cade dalle nuvole.

D´altra parte, Prodi lo aveva garantito: “La serietà  al governo”! 😉

° 

9 Responses to "L´Unione e gli intrallazzi contenuti nella Finanziaria. Di Pietro e la paraculaggine"

  • stedeaz says:
  • Alex says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Alex says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment