Pace, democrazia, libertà  e rispetto alla latitudine di Sanguineti e Diliberto

Colomba foto

Qualche giorno fa, in occasione della celebrazione dell´anniversario della fondazione del Pci, Oliviero Diliberto s´è segnalato per una performance oratoria e contenutistica mica da ridere:° 

Parlo non dei nostri avversari, ma dei nostri nemici: il linguaggio politicamente scorretto non ci appartiene. Parlo del pericolo della destra che non dobbiamo dimenticarcelo non ha vinto le elezioni per un soffio, la destra reazionaria di Berlusconi. Fuori del centrosinistra non c´è salvezza né per la democrazia né per le classi popolari“.

E in riferimento all´utilizzo dell´extra gettito fiscale, Diliberto ha voluto subito mettere dei paletti. Affermando che vada investito in scuola e cultura:

Visto che di soldi nelle casse dello Stato ne sono entrati tanti e che la destra vuole l´instupidimento delle masse“.

Altra performance dall´alto valore intellettuale, è quella che ha visto per protagonista, qualche sera fa alla trasmissione Niente di Personale su La7, il poeta Edoardo Sanguineti. Di cui s´è già  parlato su questo blog.

A proposito dell´eccidio di Piazza Tienanmen, il poeta comunista ha voluto fornire la sua interpretazione dei fatti:

Quelli erano veramente dei ragazzi – poveretti – sedotti da mitologie occidentali, un poco come quelli che esultarono quando cadde il muro; insomma, ragazzi che volevano la Coca-Cola“.

° 

3 Responses to "Pace, democrazia, libertà  e rispetto alla latitudine di Sanguineti e Diliberto"

  • Claudio says:
  • Claudio says:
  • camelot says:
Leave a Comment