Leoluca Orlando, i giudizi su Bassolino e la Iervolino. E la nuova Tangentopoli

Leoluca Orlando foto

Leoluca Orlando, nella cosiddetta Prima Repubblica è stato un personaggio di spicco.° 

Quantunque abbia militato per molti anni nella Democrazia Cristiana, ad un certo punto se ne distaccò. Per ragioni morali.

Considerava la vecchia “Balena Bianca”, un ricettacolo di delinquenti e mafiosi.

Fondò un suo partito, la Rete. Dalla spiccata connotazione moralistica e giustizialista.

Fece sua una massima di Padre Pintacuda: “Il sospetto è l´anticamera della verità “.

Dunque se di un politico si dice male, vuol dire che quel politico è sicuramente un delinquente.

Fu anche Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

L´ultima volta, nel 1993, addirittura fu eletto con il 75% dei consensi.

E in terra di Mafia (o di Camorra), i “consensi bulgari” hanno sempre il consenso della Malavita Organizzata.

Ma queste sono illazioni di un malpensante napoletano.

Veniamo al dunque.

Qualche giorno fa, Leoluca Orlando – che oggi milita nel partito di Di Pietro, l´Italia dei Valori – è stato intervistato dal Corrierino di Sinistra. In quanto sarà  per l´ennesima volta, candidato a Sindaco di Palermo.

E in questa intervista ha detto alcune cose piuttosto interessanti, che meritano di essere considerate:

Posso dire che la Moratti sta facendo bene il sindaco, dopo aver fatto male il Ministro? Posso dire che il grande sindaco di Napoli Bassolino non è un grande presidente della Campania? Che l´ottimo ministro Russo Jervolino non è un ottimo sindaco (di Napoli, ndr)? Che la Poli Bortone è un ottimo sindaco di Lecce?”.

Certo che puoi.

E ancora:

Non ci sono buoni da una parte e cattivi dall´altra (ma va?, ndr). L´analfabetismo etico riguarda anche la sinistra. Vedo anche a sinistra il male del nostro tempo, la nuova Tangentopoli: il conflitto d´interessi“.

Che non c´entra nulla con Berlusconi, un nome che in campagna elettorale non pronuncerò mai“.

Il vero conflitto di interessi è il politico azionista dell´impresa appaltatrice, dell´albergo finanziato dallo Stato, della clinica convenzionata con la Regione (in provincia di Siracusa tutte le cliniche hanno il loro politico o la loro moglie di politico)”.

Il conflitto di interessi è la nuova tangentopoli. Non c´è una norma penale che lo vieti: come quando non avevamo il 416 bis, e i mafiosi venivano tutti assolti. Stavolta però non dev´essere la legge penale, ma un codice etico a sconfiggere questo nuovo sistema, alleato della nuova mafia. Mi verrebbe da fare un elogio della vecchia tangente: la tangente inquina un affare; il conflitto di interessi inquina il mercato“.

° 

2 Responses to "Leoluca Orlando, i giudizi su Bassolino e la Iervolino. E la nuova Tangentopoli"

Leave a Comment