Guido Cervetti e il silenzio sulle Foibe da parte del Pci

Foibe foto

Guido Cervetti è stato un dirigente del Partito Comunista Italiano.° 

Oggi ha 73. E intervistato da Gianni Fregonara sul Corriere della Sera, così ha descritto il silenzio sulle Foibe:

Sento la responsabilità  di non aver affrontato il problema a suo tempo. Ma è una responsabilità  collettiva, nazionale. Fu un errore gravissimo, ma preferimmo rimuovere“.

Un errore gravissimo fu quello di rimuovere il dramma delle foibe, di stendere non un velo ma una vera e propria coperta, per nascondere quello che non si voleva vedere. E non se ne parlò più“.

La questione non fu mai più posta in termini aperti. Né dal Pci ma neppure dalle forze che allora governavano“.

Il contesto serve per spiegare storicamente gli avvenimenti nel loro susseguirsi, non per giustificare o dimenticare. Si può dire che il dramma delle foibe fu generato dalla guerra, ma questo non giustifica il dramma stesso. Né si può dire che il silenzio dei comunisti si può giustificare con un altro silenzio dei fascisti“.

° 

Leave a Comment