Pecoraro Scanio cerca un escamotage burocratico per bloccare l´ampliamento della base di Vicenza

Alfonso Pecoraro Scanio foto

Dunque, come rendiconta Italia Oggi in un articolo di Fosca Bincher, il Ministro Pecoraro Scanio sta provando ad impedire l´ampliamento della base Usa di Vicenza. Appellandosi a piccoli cavilli legali.° ° 

E ciò, quantunque Romano Prodi abbia giurato e spergiurato che la base si farà .

Veniamo al dunque.

Allora, qualche settimana fa, Pecoraro Scanio – rispondendo ad un´interrogazione parlamentare – ha detto che il procedimento di ampliamento della base, dovrebbe essere sottoposto ad una procedura di Valutazione di incidenza e di Valutazione di impatto ambientale (in sigla: Via).

Nella sua risposta all´interrogazione, il Ministro, infatti, ha affermato:

Il progetto esaminato che investe una zona di 55 ettari, è quindi ricomprensibile fra quelli classificati nell´allegato B del decreto del presidente della repubblica 12 aprile 1996, che alla lettera b) prevede “i progetti di sviluppo di aree urbane, nuove o in estensione, interessanti superfici superiori ai 40 ettari; progetti di sviluppo urbano all´interno di aree urbane esistenti che interessano superfici superiori ai 10 ettari”. La Direzione competente del ministero dell´ambiente pertanto riferisce che il progetto dell´opera in questione (ampliamento della base militare Dal Molin in Vicenza) dovrebbe essere sottoposto alla normale procedura di valutazione ambientale“.

Fin qui la risposta di Pecoraro Scanio ad un´interrogazione parlamentare.

Vediamo, poi, cos´ha dichiarato alla giornalista di Italia Oggi:

Quella lettera in risposta a Bonelli è stata unita solo ieri ai resoconti parlamentari, ma risale alla vigilia della manifestazione di Vicenza. In ogni caso non è un atto di ostilità  verso chicchessia (no, per carità . E chi lo aveva pensato?, ndr). Si tratta solo di rispettare la legalità  ed evitare procedure di infrazione da parte della Comunità  europea“.

Al che, Fosca Bincher – la giornalista di Italia Oggi – gli chiede se la procedura di Valutazione d´impatto ambientale sia stata attivata. E Pecoraro Scanio risponde:

No, perché formalmente il progetto di ampliamento non è stato ancora presentato“.

Ma poi, Pecoraro Scanio aggiunge una cosa molto importante.

Che fa capire quanto egli si stia attivando per bloccare la base, non avendo però alcuna competenza in materia:

In ogni caso non spetta al ministero attivare la procedura, che è compito di regione ed enti locali interessati“.

E allora perché cacchio hai detto – nella risposta all´interrogazione – che è necessaria una Valutazione d´impatto ambientale?

Fallo decidere al Comune e alla Regione.

O no? 😉

° 

17 Responses to "Pecoraro Scanio cerca un escamotage burocratico per bloccare l´ampliamento della base di Vicenza"

  • ilaria says:
  • camelot says:
  • ilaria says:
  • Rudolf says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • ilaria says:
  • ilaria says:
  • Rudolf says:
  • ilaria says:
  • camelot says:
  • ilaria says:
  • ilaria says:
  • camelot says:
  • laura says:
Leave a Comment