Che peccato: entro un anno il centro sociale Pedro dovrà  essere sgomberato

Centro sociale Pedro logo foto

Ha dato i natali politici – se così si può dire – a Luca Casarini.° 

E´ stato il laboratorio di formazione – e che formazione! – per tutto l´antagonismo sovversivo padovano, negli ultimi vent´anni.

E porta il nome Pedro, in memoria di Pietro Maria Walter Greco, detto appunto Pedro. L’esponente dell´Autonomia padovana, morto a Trieste nel 1985 a seguito di una sparatoria con la Polizia.

Per decisione del sindaco padovano di centrosinistra, Flavio Zanonato, entro un anno – il centro sociale che occupa un immobile al civico 5 di Via Latino a Padova – dovrà  essere abbandonato dai suoi okkupanti.

Al suo posto, infatti, l´amministrazione comunale è intenzionata a far sorgere un palazzo di edilizia popolare.

Al posto del centro sociale dei figli di papà , un immobile per la povera gente.

Non sarà  facile sgomberare il Pedro. Né indolore.

Lo dice chiaramente Max Gallob, portavoce del centro sociale:

L´assessore si prepari, che riceverà  una bella cartolina da Copenaghen. Ha presente cosa è successo la scorsa settimana in Danimarca con lo sgombero della Casa della gioventù? Ecco, rende l´idea di quel che potrebbe succedere qui. Il Pedro non si tocca. Quel posto è la nostra storia, è quel che siamo, nessuna mediazione“.

L´auspicio è che queste persone, quando dovranno liberare l´immobile, non indulgano in atti di violenza (che poi magari ci scappa anche il morto), com´è loro abitudine.

° 

4 Responses to "Che peccato: entro un anno il centro sociale Pedro dovrà  essere sgomberato"

  • statominimo says:
  • prefe says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment