Antonio Di Pietro, ovvero: democristiani si nasce e lui lo nacque. Capitolo II

Antonio Di Pietro foto

Quando si dice il caso.° 

Ieri qui si è parlato di Antonio Di Pietro e di qualche suo atteggiamento abbastanza democristiano. E oggi il leader dell´Italia dei Valori, neanche a farlo a posta, ha rilasciato un´intervista al Corrierino di Sinistra, da cui – il suo essere democristiano – traspare in maniera ancora più chiara.

In sostanza il buon Di Pietro ha detto: se si fa una nuova legge elettorale, di tipo proporzionale (sul modello tedesco), lui si allea con Casini e Mastella, per rifare la Dc. O qualcosa di simile.

Ecco cos´ha dichiarato:

Che c’azzecco io con Caruso e i no global?“.

Su tanti temi l’Udc ha una certa comunanza di idee con noi, come l’Udeur del resto“.

La cultura di riferimento è la stessa, quell’area moderata e liberale in cui i massimalismi della sinistra estrema non possono avere cittadinanza. Un’intesa si può trovare anche con loro“.

Mi piacerebbe un centrosinistra diverso, più di centro e meno di sinistra. Ma questo cambio di maggioranza non può che avvenire dopo le elezioni“.

Io sono molto più lontano dai no global e dai pseudoambientalisti che bloccano i cantieri rispetto a Tabacci o anche all’Udeur“.

Poi Di Pietro dice una cosa, nemmeno fosse un Camelot qualsiasi:

Con loro collaborerei molto meglio che con Caruso o con gli ex terroristi che con sgomento vediamo girovagare per i Palazzi“.

Semmai c´è da capire come mai sugli “ex terroristi che con sgomento vediamo girovagare per i Palazzi“, il buon Di Pietro – l´uomo “retto e probo” per definizione – non abbia mai detto nulla fino ad ora.

Forse ha taciuto, perché altrimenti qualcuno gli toglieva la cadrega?

Ma andiamo avanti, che il Tonino nazionale continua:

Possiamo individuare una base comune su alcuni temi, come la famiglia, il conflitto d’interessi, le liberalizzazioni, una legge elettorale che a mio giudizio deve indicare espressamente il premier. Occhio, però: non è che se uno scrive insieme le regole poi si deve per forza sposare“.

Ad un certo punto, però, il giornalista gli chiede apertamente se in qualche modo lui sarebbe pronto a confluire nell´Udc.

Nello stesso partito, insomma, di Totò Cuffaro.

E il buon Di Pietro aggiunge:

Non avrei nessuna preclusione. Anche se dovrebbe essere chiaro che i condannati per reati dolosi non si possono candidare“.

Non so voi, ma io penso una cosa.

Che Di Pietro, pur di partecipare al progetto di un grande (e lui auspica: influente) partito di centro – stile Dc – sarebbe pronto ad accogliere a braccia aperte anche i vari Cuffaro.

Tanto è un paraculo e un cinico.

Anche perché, il buon Di Pietro, nel Sud d´Italia ha sempre e solo “raccattato” tutto il peggio che usciva dagli altri partiti di centro. Senza mai profferire parola o esprimere sdegno.

In televisione fa il moralista, ma poi ad esempio in provincia di Napoli, dà  il suo appoggio a gente che definire “torbida e invischiata in fatti oscuri”, è usare un eufemismo.

In conclusione.

Qualcuno vuole scommettere con me, che pur di rifare la Dc, Di Pietro accoglierà  “cani e porci”, compresi delinquenti abituali con procedimenti penali in corso o condanne definitive, mandando a quel paese la sua tanto ostentata “moralità “? 😉

° 

4 Responses to "Antonio Di Pietro, ovvero: democristiani si nasce e lui lo nacque. Capitolo II"

Leave a Comment