Sircana e l´intenzione di dimettersi da portavoce del governo Prodi

Silvio Sircana foto

Dunque, su questo blog come si è appresa la notizia riguardante Silvio Sircana – il fatto che egli fosse stato fotografato, mentre era intento a “visionare” qualche prostituta trans per poi ricattarlo – lo si è difeso (il titolo del mio post era: “Sircana con una trans? E chi se ne frega!”).° ° 

Qui si è liberali, e quindi le abitudini sessuali delle persone – anche se si tratti di politici – appaiono variabili su cui non si esprime giudizi.

Il sottoscritto giudica un politico dalla sua coerenza e dalla sua onestà .

Non certo perché egli occasionalmente – o d´abitudine – faccia “puttan tour“.

Si è anche espresso l´auspicio che non si arrivasse a chiederne le dimissioni.

Mentre all´opposto, il buon Massimo D´Alema – il cui collaboratore Rondolino, per aver scritto un romanzo erotico fu costretto a dimettersi – di Sircana ha chiesto immediatamente la testa.

Ora, stante questa premessa, devo però aggiungere qualcosa.

Innanzitutto il fatto che si sia mosso il Garante per la Privacy Pizzetti, arrivando a vietare ai giornali di pubblicare le foto riguardanti Sircana, mi ha fatto parecchio storcere il naso.

Quando fu coinvolto Salvo Sottile, in una vicenda giudiziaria avente ad oggetto alcuni ricatti sessuali che lo stesso avrebbe rivolto ad alcune soubrette (promettendo loro posti di lavoro), il Garante della Privacy non mosse un dito. E lo sputtanamento sui giornali – stante la pubblicazione di intercettazioni telefoniche – fu totale.

Si dirà : ma le due vicende sono profondamente diverse.

Verissimo.

Tuttavia la posizione giudiziaria di Sottile è stata completamente archiviata. E le accuse di concussione sessuale a suo carico, sono cadute.

Dunque, valutando ex post l´intera vicenda, si può tranquillamente dire che anche in quel caso si sarebbe dovuto bloccare lo sputtanamento.

E invece nulla si fece.

Oggi governa Prodi, e all´opposto il “provvedimento ad personam” si è potuto adottare.

Ed è qui che si arriva al dunque.

Perché se Sircana – fino a quando il provvedimento censorio non è stato emanato, appariva il “soggetto debole” della vicenda – da quando il provvedimento in questione è stato varato, ipso facto – e magari suo malgrado – è divenuto il “soggetto forte”.

Da vittima di un ricatto, si è trasformato in un politico potente, e volendo arrogante.

Un politico che ha usato la sua influenza per sottrarsi ad una vicenda poco edificante.

Un politico, quindi, che a mio modesto avviso – in questo istante – non merita più di essere difeso: perché ha dimostrato di saper usare tutti i mezzi in suo possesso per difendersi.

Dunque, se come dichiara, Sircana volesse prendere in considerazione l´ipotesi di dimettersi dal suo incarico, qui lo si apprezzerebbe.

Dimostrerebbe di essere davvero – come tutti dichiarano anche a destra – un galantuomo.

Update delle 18.50:

Mentre Velina Rossa (vicina a Massimo D´Alema), con gelida perfidia fa notare come Sircana abbia ricevuto “Solidarietà  solo da un centinaio di deputati dell’Ulivo“, Palazzo Chigi comunica che il portavoce del governo non si dimetterà . Peccato: sarebbe stato un gesto da gran signore.

° 

24 Responses to "Sircana e l´intenzione di dimettersi da portavoce del governo Prodi"

  • Carmelo says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • pietro says:
  • prefe says:
  • dr. Hadamard says:
  • Carmelo says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • laura says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • prefe says:
  • pixon says:
  • camelot says:
  • laura says:
Leave a Comment