Cuneo fiscale alle imprese: altri problemi da banche e assicurazioni

Romano Prodi foto

Dunque, la madre di tutte le promesse elettorali fatte da Prodi in campagna elettorale, riguardava la riduzione del cuneo fiscale alle imprese, nella misura di cinque punti.° 

Il tutto, si prometteva, sarebbe stato fatto in un anno.

Tra un mese circa, il governo Prodi avrà  compiuto il primo (e si spera ultimo) anno di vita.

E come s´è già  documentato, anche per il tramite di una dichiarazione di Montezemolo, le imprese non hanno ancora ricevuto il becco d´un quattrino.

In quanto l´Unione europea non si è ancora pronunciata sul provvedimento, essendo chiamata a sincerarsi del fatto ch´esso non rappresenti un “aiuto di stato”. Passibile di alterare la concorrenza tra le imprese: favorendone alcune a scapito di altre.

Bon.

A complicare il tutto – e come rendiconta Italia Oggi – si è aggiunto anche un memorandum.

Inviato da banchieri e assicuratori a Bruxelles.

Nel quale si lamenta la natura discriminatoria del provvedimento.

Infatti banche e assicurazioni, non sono state ricomprese tra i soggetti beneficiari della “futura e aleatoria” riduzione del cuneo fiscale.

Sicchè è ancora più difficile che l´Unione europea possa dare il suo ok al provvedimento del governo Prodi.

° 

Leave a Comment