Il governo Prodi si prepara a depenalizzare il reato di bancarotta fraudolenta

Romano Prodi foto

La notizia l´ha data stamane il Corriere della Sera, in un articolo apparso a pagina 21 e firmato da Paolo Biondani e Dino Martirano.° 

La situazione è questa.

In un effervescente “pre-consiglo” dei ministri svoltosi due settimane fa, si è discusso – alla presenza dei tecnici degli uffici legislativi afferenti a diversi ministeri, di una “bozza” di disegno di legge che mira a depenalizzare il reato di bancarotta fraudolenta.

Ad oggi il reato in questione, è punito con una pena che va dai tre ai dieci anni di reclusione.

Mentre il governo Prodi sarebbe intenzionato a ridurre la pena massima a sei anni!

Con la conseguenza (per effetto della cosiddetta legge Cirielli) che il reato in questione potrebbe non essere più punito.

In quanto la prescrizione scatterebbe dopo soli 7 anni e mezzo.

Ed essendo notorio che in Italia i procedimenti penali – ma non solo – durano in media mai meno di 8/10 anni, il reato di bancarotta fraudolenta – se dovesse passare la riforma del governo Prodi – de facto risulterebbe non più perseguibile.

A scagliarsi contro il provvedimento in questione – a quanto riferiscono i due giornalisti del Corriere della Sera – è stato solo Antonio Di Pietro, che ha dichiarato:

Non voterò mai sconti di pena per bancarottieri che hanno rovinato migliaia di risparmiatori“.

Ma ad esprimere un giudizio contrario – e rivelando di essere anch´egli a conoscenza della bozza di disegno di legge – è anche l´ex presidente dell´Associazione nazionale magistrati, Edmondo Bruti Liberati.

Che così si è pronunciato:

La bozza esiste certamente e la discussione riguarda solo l´entità  della riduzione di pena per la bancarotta fraudolenta“.

E´ chiaro che, se si abbassa a sei anni senza modificare la prescrizione abbreviata prevista dalla legge Cirielli, diventano a forte rischio anche i processi per i fallimenti più gravi come Cirio e Parmalat“.

Una sola nota per concludere.

Si tratterà  di un caso, ovviamente, ma Mastella risulta indagato per bancarotta fraudolenta in relazione all´ex Società  Calcio Napoli.

Una coincidenza. 😉

° 

12 Responses to "Il governo Prodi si prepara a depenalizzare il reato di bancarotta fraudolenta"

  • antonio germino says:
  • Cristian says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Cristian says:
  • epicureo99 says:
  • camelot says:
  • epicureo99 says:
  • Woody Alessio says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • epicureo99 says:
Leave a Comment