C´è chi solidarizza con i killer di D´Antona

Brigate Rosse logo foto

Non c´è niente da fare: a sinistra ci sono ancora troppe persone legate a doppio filo al terrorismo brigatista.° ° 

Troppe persone, inoltre, che hanno una concezione rudimentale della democrazia.

Deprecano la violenza: quella altrui, specie se dello Stato.

Ma la propria la osannano: è violenza comunista. Dunque giusta (per loro).

In più, queste brave persone non vengono nemmeno sufficientemente “ghettizzate”.

Escluse, discriminate, avversate da chi – a sinistra – sia democratico.

Dov´è il coro di voci candide, ora che si vuole organizzare un corteo di solidarietà  a favore dei killer di Massimo D´Antona?

Dove sono i girotondini?

Questo episodio – il voler organizzare una manifestazione a favore di assassini – non indigna le anime nobili della sinistra, quelle che lamentavano – con Berlusconi – il pericolo che lo stesso mettesse a repentaglio la democrazia? Queste persone che uccidono per davvero (e quelle che esprimono vicinanza a quest‘ultime), non attentano alla democrazia?

Dove sono le parole di sgomento di Bertinotti, Diliberto, Pecoraro Scanio, Rizzo, Cossutta e Cento?

Che c´è: questi delinquenti – delinquenti comunisti – non suscitano il vostro biasimo?

E perché mai?

° 

10 Responses to "C´è chi solidarizza con i killer di D´Antona"

  • prefe says:
  • camelot says:
  • prefe says:
  • camelot says:
  • prefe says:
  • camelot says:
  • prefe says:
  • camelot says:
  • prefe says:
Leave a Comment