Legge Fini-Giovanardi: Ferrero vuole sostituire le sanzioni amministrative con la segnalazione ai Sert (o ai genitori)

Paolo Ferrero foto

La legge Fini-Giovanardi è forse la causa causarum della sconfitta della Casa delle Libertà  alle elezioni politiche.° 

Il fatto che la CdL abbia perso (per 25.000 voti) proprio alla Camera dei Deputati – dove votano i giovanissimi – e invece abbia vinto (per più di 100.000 voti) al Senato (dove votano coloro che hanno almeno 25 anni), difficilmente può essere considerata una mera coincidenza.

Non v´è dubbio, infatti, che i giovanissimi (che di sicuro uno spinello ogni tanto lo fumano), siano stati messi in allarme dalle notizie – spesse volte infondate – che circolavano in relazione agli effetti della Fini-Giovanardi (all‘indomani della sua approvazione).

L´idea che si potesse finire al gabbio – cosa assolutamente falsa – dopo essere stati beccati con un spinello, sicuramente ha provocato un allontanamento degli elettori più giovani dal centrodestra.

Ma questa è storia.

Veniamo ad oggi.

L´Unione – come aveva promesso in campagna elettorale – è intenzionata a mandare in soffitta la legge Fini-Giovanardi.

Ed è il Ministro per la Solidarietà  Sociale, Paolo Ferrero, che si è fatto carico di approntare un disegno di legge di riforma, in materia.

Una riforma, però, che sta suscitando vaste preoccupazioni anche all´interno della sinistra estrema. In virtù di alcune novità  che dovrebbero essere introdotte con il Ddl.

Vediamo di cosa si tratta.

Innanzitutto verrà  “riesumata” la distinzione tra droghe leggere e droghe pesanti.

In secondo luogo dovrebbero essere accantonate le famose “tabelle”, grazie alle quali era possibile distinguere il consumatore dallo spacciatore (se passa il ddl Ferrero, sarà  il magistrato a decidere volta per volta, quando ci si trovi dinnanzi ad un consumatore, e quando, invece, dinnanzi ad uno spacciatore).

Ma il cambiamento più importante (e controverso) – e per molti versi emblematico – riguarderà  la sostituzione delle sanzioni amministrative (oggi previste dalla Fini-Giovanardi), con delle misure alternative.

Che sono: la segnalazione ai genitori, qualora un minorenne venga beccato in possesso di droghe.

Mentre nel caso di maggiorenni, si provvederà  attraverso la segnalazione ai Sert.

Ora.

Passare dalle sanzioni amministrative alla segnalazione ai Sert – che è una vera e propria “schedatura” – certo non è che faccia proprio saltare di gioia la sinistra estrema.

Che infatti mostra molte perplessità  al riguardo.

Per tutti ha parlato Paolo Cento (alias er piotta):

Attenzione, dobbiamo eliminare ogni tentativo di clima poliziesco“.

Sono davvero preoccupato davanti alle ipotesi di segnalazioni coattive alle istituzioni. Il problema è che questa legge è sicuramente un compromesso. E so bene che se non si concede qualcosa a tutti dentro questo centrosinistra così frastagliato, non si arriverà  mai al 51% per far approvare questa legge che è sacrosanta. Però bisogna stare attenti nel merito dei punti: non possiamo generare un clima poliziesco“.

Altro non è necessario aggiungere. 😉

° 

P.S.: manca un link recente contenente la notizia. L´unico abbastanza preciso è questo: di tre mesi fa.

° 

32 Responses to "Legge Fini-Giovanardi: Ferrero vuole sostituire le sanzioni amministrative con la segnalazione ai Sert (o ai genitori)"

  • clark kent says:
  • sinistraSTOP says:
  • camelot says:
  • Sgembo says:
  • camelot says:
  • Rudolf says:
  • sinistraSTOP says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • silvestro says:
  • Cristian says:
  • prefe says:
  • sinistraSTOP says:
  • silvestro says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • silvestro says:
  • prefe says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • sinistraSTOP says:
  • prefe says:
  • prefe says:
  • Camillo Benson says:
  • camelot says:
  • prefe says:
  • camelot says:
  • Ivan says:
  • Ivan says:
Leave a Comment