Partito della Libertà : abbiamo bisogno di una casa (nella blogosfera)

Per il Partito unitario di centrodestra, per il Partito della Libertà  logo foto

La domanda da porsi è la seguente.° 

Sarebbe utile creare un nuovo blog aggregator, in una fase in cui – nonostante il fenomeno Grillo abbia portato lustro alla blogosfera – i blog aggregator (quasi tutti) sono esangui, morti, privi di appeal e – soprattutto – di seguito?

D´istinto verrebbe da rispondere no: la scelta sarebbe fallimentare. Danaro e tempo persi.

Tuttavia, più passano i giorni, e più mi convinco che un tentativo in tal senso vada fatto.

Va creato un tetto comune per quei blogger – evidentemente di centrodestra – che ritengono necessaria la creazione del Partito della Libertà .

Inteso non già  come “involucro-lista civetta” da usare alle elezioni, per raccattare qualche voto in più.

Ma come soggetto comune entro cui far convivere liberali e conservatori, cattolici e laici, tradizionalisti e libertari oggi presenti – sia pur divisi – all´interno del centrodestra.

Perché dare un tetto comune – e quindi visibilità  particolareggiata – ai blogger che sostengono il Partito delle Libertà ?

Perché come dei pirla – immobili, silenti e impassibili dinanzi all´inazione dei leader del centrodestra – non possiamo più stare!

Quantunque la blogosfera – cosiddetta politica – abbia dimostrato di essere assolutamente priva di qualsiasi tipo di soggettività  o capacità  politica, noi siamo blogger. E in questa dimensione – per nostra scelta – ci muoviamo.

E allora la questione è la seguente.

Vogliamo rimanere così, come dei bamboccioni che si limitano ad osservare gli accadimenti politici, un po´ come si osservano – stupefatti e inermi – i pesci colorati che nuotano in un acquario?

Oppure vogliamo provare a modificare lo status quo, ben consapevoli – in ogni caso – che ogni nostro sforzo – per quanto apparentemente e soggettivamente consistente – abbia il peso di una goccia in un oceano?

Io credo che uno sforzo vada fatto.

Che ogni possibilità  a nostra disposizione vada usata.

Che se Berlusconi ripete: “Il Partito della Libertà  deve nascere dal basso”, noi – che siamo cittadini comuni e che rappresentiamo il “basso”, cioè la base – abbiamo il dovere (ancor più che il diritto) di impegnarci in tal senso.

Ho già  detto altrove che il Partito delle Libertà  – a mio avviso – rappresenti una necessità : per garantire la sopravvivenza del centrodestra.

Me è soprattutto una risorsa per il Paese.

Che necessità  di due coalizioni coese e determinate a portar a buon fine, il programma con cui ciascuna – delle due – si presenta agli elettori.

Il tempo del cincischiare è un lusso che non possiamo più permetterci.

Coalizioni sottoposte al ricatto di una pletora di partitini, sono inutili alla Nazione: ai meno abbienti – che richiedono scelte radicali e tempestive – ancor più che agli agiati.

Abbiamo bisogno di omogeneità , nelle coalizioni. Di rafforzare l´idem sentire e l´idem velle.

Ciò è possibile solo attraverso una semplificazione del quadro politico.

Patriota, oggi, è solo chi voglia questo.

Chi abbia talmente a cuore l´interesse del Paese, da essere disposto a sacrificare piccoli interessi di parte e qualche poltrona.

Patriota, oggi, è solo chi opponga soluzioni – ragionevoli – allo sfascismo dilagante, posto in essere da qualunquisti vecchi e nuovi. Che agitano i vessilli dell´antipolitica.

Patriota, oggi, è solo chi sia consapevole del fatto che l´Italia necessiti di riforme liberali. Le uniche capaci di garantire il ritorno a performance economiche consistenti.

Povertà , disoccupazione, sperequazione nella distribuzione dei redditi: sono effetti – dannosissimi – del non decidere.

Della disomogeneità  di vedute all´interno delle coalizioni.

Dell´incapacità  di affrontare risolutamente – e con ricette univoche – i problemi.

A questo serve il Partito della Libertà  (come, dall´altra parte, il Partito democratico).

E per questo obiettivo vale la pena spendersi.

Nei limiti di quanto possa fare un blogger (o una pluralità  di blogger).

Magari creando, appunto, un blog aggregator per il Partito della Libertà .

Che funga da stimolo – da pungolo – nei confronti di chi siede nelle stanze del potere.

E che lanci un segnale univoco (ciò che fino ad ora è mancato!) ai leader del centrodestra.

Noi siamo più avanti di voi. Noi vogliamo un soggetto unitario di centrodestra.

Voi datevi da fare in tal senso: alibi non ne avete.

° 

P.S.: tutto ciò per dire che sto seriamente pensando di creare un blog aggregator per il Partito della Libertà  (se non si fosse capito). Urgono, però, consigli e sostegno.

P.S.2 : ovviamente serve un tetto comune, anche perché l´iniziativa che abbiamo lanciato – e che ovviamente non era finalizzata a creare l´ennesimo Blogroll – deve essere conosciuta dal più alto numero di persone (blogger e non blogger). E solo attraverso uno spazio specifico ciò è possibile. Anche perché solo in questo modo abbiamo possibilità  di veder crescere – in modo significativo – le adesioni.

° 

37 Responses to "Partito della Libertà : abbiamo bisogno di una casa (nella blogosfera)"

  • a.man. says:
  • camelot says:
  • Cristian says:
  • camelot says:
  • Cristian says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Cristian says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Cristian says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Cristian says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • thumbria says:
  • Marista Urru says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • statominimo says:
  • Gigi Massi says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Sgembo says:
  • camelot says:
  • Cristian says:
  • camelot says:
  • Silvio says:
  • camelot says:
  • Silvio says:
  • camelot says:
Leave a Comment