L´umanità  e il suo fetore

Il viaggiatore sopra il mare di nebbia Caspar David Friedrich foto

Se tutti fossero come me, la vita si sarebbe estinta. Pochi giorni dopo la sua genesi.° 

Se tutti fossero come me – coerenti, inflessibili, severi con se stessi e il più possibile corretti con gli altri – la vita, da troiaio e giungla qual è, non esisterebbe più.

Se tutti fossero come me, e avessero in odio la voglia di fottere gli altri – quale che ne sia la motivazione – la vita sarebbe foglie morte.

Se tutti fossero come me, e anteponessero a laide ambizioni – in particolar modo il desiderio di dominio e di affermazione sugli altri – l´agire secondo criteri di etica, ragionevolezza e giustezza: la terra sarebbe un affresco di sabbia.

Se tutti fossero come me, disposti a ricevere anche il più grande nocumento possibile, pur di non stuprare la propria coscienza e i propri valori – vendendoli magari alla più modesta delle meretrici: l´invidia – questa terra sarebbe solo sassi.

Se tutti fossero come me, e ricevessero appagamento solo dalla puntuale e silente osservanza di un codice cavalleresco improntato all´Onore, alla Lealtà  e alla Dignità  (anche quando questa osservanza fosse valutata come espressione della più fallimentare e derelitta delle esistenze), nemmeno più i pesci abiterebbero questa vita.

Se tutti fossero come me – e avessero ricevuto la condanna ontologica a rivestire la composta e risoluta dignità  di Alceste – nemmeno entità  vermiformi, calpesterebbero ancora questa terra.

Se tutti fossero come me, persone dabbene – e per ciò magari giudicate fallite – nemmeno le blatte scivolerebbero più, lungo questa vita.

Ma l´umanità  è altra. E dunque è viva e vegeta.

Anche se, di tanto in tanto, un sole la oscura.

E il suo mantello è donna.

° 

Comments are closed.