Devo delle scuse e delle spiegazioni

Partito unitario di centrodestra logo foto

Allora, io devo innanzitutto delle scuse.° 

Le devo ai “beta tester” che – in questi giorni – stanno segnalando i loro post sull´aggregatore a sostegno del Partito della Libertà .

Devo delle scuse a queste persone, perché sto loro rompendo – letteralmente – l´anima.

Mi aggiro come uno spettro sui loro blog, e quando vedo che uno di essi non abbia segnalato un post (o più), immancabilmente gli rivolgo questa domanda: “Perché non hai segnalato questo post dove sai?”.

Mi odierete tutti, in questo istante.

Ne sono consapevole e me ne rammarico.

Ma non pensiate che ciò che sto facendo a me piaccia: vi sono costretto!

Sono costretto ad essere petulante ed invadente, perché se ciascuno di noi non segnala i propri post “dove sappiamo”, l´aggregatore non potrà  mai essere inaugurato.

Peggio: rischia di naufragare ancor prima di prendere il largo.

Sono costretto quindi a molestarvi, a rompervi le scatole, ad essere fastidioso, per ricordarvi del progetto cui stiamo tutti lavorando.

Un progetto che sta a cuore a tutti noi (o così dovrebbe essere).

Se non “produciamo” contenuti (post) in quantità  considerevole, non potremo pretendere di essere letti.

E se non verremo letti, il Partito della Libertà  non se lo cagherà  alcuno!

Molti di noi, giornalmente, scrivono uno o più post. Aggregare ciascuno di essi “dove sappiamo”, richiede non più di 15 secondi.

15 secondi – almeno penso – sono un tempo microscopico per ciascuno di noi. Insignificante.

Ma questi 15 secondi sono vitali al nostro aggregatore.

Gli consentono – ma soprattutto gli consentiranno – di essere letto, seguito.

Nessuno si collega ad un aggregatore se non vede post “freschi”, presenti in esso.

Per questo motivo, vi supplico: dedicate qualche secondo della vostra vita giornaliera a questo progetto.

Segnalate ciascuno dei vostri post, quale che ne sia il contenuto, anche il più frivolo.

Sentitelo vostro, l´aggregatore. Perché vostro è.

E´ di ognuno di quelli che in questi giorni hanno aderito o che lo faranno domani.

Un´altra precisazione, poi, s´impone. Perché mi sono reso conto che alcuni blogger ignorino la funzione dei blog aggregator.

Un aggregatore – qualunque aggregatore – ha una funzione precisa: quella di accrescere le visite dei blogger (i commenti e quant´altro).

Per questo i blogger segnalano post su aggregatori come Dicevi, per esempio.

Li segnalano su siti del genere, perché sanno che questi siti sono visitati da persone in cerca di contenuti. In cerca di post.

Nel nostro caso – nel caso, cioè, di un aggregatore politico – ovviamente questa funzione, pur immaginando che non sia la più importante, è comunque presente.

E´ ovvio che ciascuno di noi abbia aderito all´aggregatore “che sappiamo”, per motivazioni ideali. Per sostenere un progetto politico ben preciso.

Ma sappiate che sostenere l´aggregatore in questione – segnalando giornalmente post – può ritornare utile a tutti noi.

Anche perché può accrescere le visite dei nostri blog.

Quindi, se ad animarvi non sono forti motivazioni ideali, che almeno lo siano fattori opportunistici.

Vi supplico: segnalate i vostri post. Fate viaggiare l´aggregatore.

Trattatelo come un figlio o un fratellino piccolo.

Necessità  di attenzioni, per poter crescere.

E scusatemi se vi rompo le scatole.

In questo istante, mi tocca questo compito ingrato.

° 

12 Responses to "Devo delle scuse e delle spiegazioni"

  • statominimo says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • statominimo says:
  • camelot says:
  • galgano p. says:
  • Cristian says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Antonio says:
  • camelot says:
Leave a Comment