La Finanziaria 2008 reintroduce la detassazione (tremontiana) delle plusvalenze

Anche i ricchi piangano foto

Con la Finanziaria 2007, i signori dell´Unione hanno massacrato di tasse tutti: poveri in primis.° ° 

Derubando – quest´ultimi – finanche della tredicesima.

Con la Finanziaria 2008, invece, dopo aver scelto di non aiutare i meno abbienti, gli omini del centrosinistra hanno deciso di fare anche un gran bel regalo ai Paperon dei Paperoni: reintroducendo la detassazione delle plusvalenze, frutto dell´alienazione di partecipazioni societarie.

Proprio così.

Quando il meccanismo fu introdotto dal socialista Tremonti, le prefiche della sinistra urlarono allo scandalo: si regalano tanti bei quattrini, a chi di soldi è già  pieno. Questo sostenevano.

Con la Finanziaria 2007, dunque, si decise di ripristinare una tassazione più alta sulle plusvalenze.

Mentre quest´anno – come rivela Antonio Castro su Panorama di questa settimana -, s´è deciso di ritornare ad un prelievo ben più leggero e favorevole (eguale a quello dello statu quo ante).

Infatti la Finanziaria 2008, prevede che la quota di tassazione delle plusvalenze scenda al 5% (mentre nel 2007 era pari al 16%).

A conti fatti, grazie alla riduzione dell´Ires (passata dal 33 al 27,5%) e alla detassazione delle plusvalenze, chi andrà  a vendere la propria partecipazione, realizzerà  un risparmio – rispetto al 2007 – del 70%.

A chiarire meglio il provvedimento, è il presidente dell´Istituto nazionale dei tributaristi italiani, Riccardo Alemanno:

In primo luogo deve trattarsi esclusivamente di una società , indipendentemente dalla figura giuridica. In secondo luogo deve svolgere attività  commerciale da almeno 3 anni e la quota oggetto di cessione deve essere posseduta da almeno 12 mesi. E soprattutto la società  deve essere costituita non nei paesi della cosiddetta lista nera“.

A dire la verità  si è ritornati indietro di qualche anno. Già  nel 2005 le società  pagavano solo il 5 per cento sulle plusvalenze da cessione“.

Adesso ci si allinea ai livelli di tassazione dell´Unione europea, dove in alcuni casi è addirittura assente. Comunque sì, si tratta di un bel vantaggio“.

E i ricchi stanno piangendo di brutto.

La serietà  al governo!

Leggi altre news su per il Partito della Libertà .

° 

9 Responses to "La Finanziaria 2008 reintroduce la detassazione (tremontiana) delle plusvalenze"

Leave a Comment