Renato Brunetta: pensioni ritirate in tabaccheria

Renato Brunetta foto

L´uomo è un gigante (non a caso riscuote enorme consenso tra i cittadini).

E come tutti i giganti, è un innovatore.

Con in testa un´idea precisa, semplificare la vita ai cittadini:

Stiamo lavorando per utilizzare tutte le reti esistenti nel nostro Paese, dalle Poste ai carabinieri, alle banche, alle tabaccherie, alle farmacie come contenitori di totem accessibili ai cittadini per dialogare funzionalmente con la pubblica amministrazione, con l’unico obiettivo di bypassare la pubblica amministrazione inefficiente. A quel punto i luoghi monopolistici deputati a queste cose si chiederanno perché vengono bypassati e si metteranno in competizione“.

Quindi in tabaccheria – piuttosto che in farmacia o in una stazione dei carabinieri – si potrà  ritirare la pensione, ma anche effettuare pagamenti (come quello dei contributi Inps).

Inoltre Brunetta promette:

Entro un anno darò conto di quello che avrò fatto per migliorare e modificare la pubblica amministrazione e se non sarò riuscito a fare nulla darò le dimissioni. è la soluzione del mercato“.

Rivoltiamo il Paese come un pedalino!

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .

16 Responses to "Renato Brunetta: pensioni ritirate in tabaccheria"

  • statominimo says:
  • prefe says:
  • daffy says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Gab says:
  • camelot says:
  • prefe says:
  • camelot says:
  • nicola says:
  • statominimo says:
  • pietro says:
Leave a Comment