Nonostante il chiasso giustizialista: Berlusconi e il Pdl volano nei sondaggi

Silvio Berlusconi con il dito medio alzato foto

Da due settimane, i quotidiani del salotto buono prendono incessantemente a randellate Berlusconi. Ogni giorno.

Prima l´hanno accusato di voler mettere il bavaglio alla stampa: con il provvedimento finalizzato ad inibire la diffusione delle intercettazioni telefoniche.

Poi hanno provato a raffigurarlo come il solito Caimano. Quello il cui unico interesse, è cucirsi addosso “abitini su misura”: la blocca-processi e il Lodo Schifani (o Alfano).

Morale della favola: gli italiani avrebbero dovuto perdere fiducia nei confronti di Silvio IV.

Ma le cose stanno davvero così?

A quanto pare, decisamente no. Silvio IV, infatti, non solo non perde consensi: ma ne acquista di nuovi.

A rivelarlo è il quotidiano online Affari Italiani. Che ha commissionato a Consortium – la società  presieduta da Nicola Piepoli – un sondaggio.

Le cui rilevazioni, è lo stesso Piepoli a descrivere:

La fiducia in Silvio Berlusconi è stabile a livelli molto alti: 54-55%“.

Nelle ultime settimane il gradimento del premier tra i cittadini tendeva lievemente a diminuire e poi si è stabilizzato. Lo stesso discorso vale per il governo nel suo complesso, che in termini di fiducia si trova sopra il 50%. L’impressione è che gli italiani si siano affidati a questo esecutivo e vogliono che governi“.

Insomma: nonostante le urla di sdegno dei soliti sanculotti (i Furio Colombo, i Di Pietro, i marchesi Flores D´Arcais), per il presunto uso privatistico della Cosa Pubblica, ad opera del Nano: gli italiani non perdono fiducia nei confronti del governo Berlusconi.

Non solo (perché se fosse solo questo il dato, sarebbe un risultato soddisfacente a metà ).

Ciò che sorprende è la crescita nei consensi – sia pur virtuali, cioè nelle “intenzioni di voto” – che riguarda il partito di Berlusconi (e Fini). E´ sempre Piepoli a parlare:

Sono rimasto molto meravigliato, perché solitamente cambiano dopo vari mesi dalle elezioni politiche. Invece questa volta c’è stata una clamorosa variazione a favore di chi è al governo“.

Il Popolo della Libertà  si è rafforzato rispetto al risultato ottenuto il 13-14 aprile e attualmente si trova oltre il 40%. Ha guadagnato 2-3 punti percentuali“.

La Lega Nord è stabile all’8% così come l’Mpa all’1“.

E i partiti dell´opposizione? Il Pd, l´Italia dei Valori: che fanno, crescono? Sempre secondo l´analisi di Piepoli, tanto il partito di Veltroni quanto quello del novello Mussolini de noantri, sono fermi. Non guadagnano nemmeno uno zero virgola. Il primo è° immobile al “33%“.

E i nanetti? Presto detto:

Hanno perso un punto percentuale sia Storace sia Casini. La Destra viaggia attorno all’1,5% e l’Udc è al 4,5% circa. Questi due punti sono andati al Popolo della Libertà “.

E i bolscevichi de la Sinistra l´Arcobaleno, almeno loro cresceranno nelle intenzioni di voto? Ecco il responso:

Si trova esattamente al punto di partenza, è ancora ai box e complessivamente vale attorno al 3%“.

Amen!

P.S.: qualche settimana fa, un sondaggio commissionato da Repubblica forniva risultati analoghi (serenamente e pacatamente).

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .

62 Responses to "Nonostante il chiasso giustizialista: Berlusconi e il Pdl volano nei sondaggi"

  • nicoletta says:
  • cat says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • Rudolf says:
  • AngelsCry says:
  • Gab says:
  • camelot says:
  • camelot says:
Leave a Comment