Caro Ministro Gelmini, non dica fregnacce!

Pecore foto

Di sicuro la causa è il caldo. Deve essere il caldo!° ° ° 

Anche perché una persona dotata di raziocinio e cultura liberale (anche solo a piccole dosi): mai potrebbe fare una sortita del genere.

Il grembiule per tutti? Tutti eguali? Come in caserma, con la divisa?

No, grazie! Neanche per scherzo.

L´identità , prima di tutto: quella con se stessi. La libertà , poi: nel rispetto degli altri.

Ma mai l´imposizione di canoni estetici o formali, la cui inutilità  è palese. Oltreché lesiva di ogni forma di autodeterminazione. E foriera di frustrazioni a volte insanabili.

La scuola non tornerà  ad avere prestigio, rilievo e considerazione, con trovate modeste e simboliche come questa.

E orripilante – obbrobriosa – è la motivazione che sta alla base di questa infelice idea: rendere gli alunni liberi dal diktat delle griffe! E in che modo? Imponendo l´egalitarismo?

Neanche un comunista, avrebbe potuto esprimere una proposito così balzano! Nemmeno un comunista.

Se esistono genitori che per ostentare la propria opulenza, vestono i figli come se li stessero mandando ad una sfilata di moda, e non a scuola: questo non riguarda lo stato.

L´educazione, la individuazione di canoni etici ed estetici da imporre sotto forma di valori alla prole: spetta ai genitori. Giammai allo stato.

Ciò che lo stato – la scuola – può chiedere ai genitori: è di educare i figli affinché siano rispettosi delle regole, e non diano vita a comportamenti irriguardosi nei confronti di altre persone. Punto.

Per non parlare poi del fatto, che qualcuno dovrebbe anche prendersi la briga di spiegare quale differenza esista tra un grembiule e un burqa.

P.S.: consentire ad un bimbo di sviluppare un autonomo senso estetico, anche mediante gli abiti, serve a predisporlo al bene (concetto molto molto aleatorio, mi rendo conto). Imporgli, viceversa, una sorta di uniformità  estetica: serve ad impedire alla sua anima di sbocciare. L´estetica ha un ruolo primario nella formazione morale ed intellettuale di un individuo. I figli vanno educati al bello (i cattolici dovrebbero saperlo; ed anche i laici e i liberali).

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .

69 Responses to "Caro Ministro Gelmini, non dica fregnacce!"

  • paganini says:
  • mangoditreviso says:
  • minnanon says:
  • cat says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • minnanon says:
  • cat says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • nicola says:
  • minnanon says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • minnanon says:
  • Desy says:
Leave a Comment