Il Pd a Napoli ha raccolto un oceano di firme contro il governo Berlusconi

Walter Veltroni foto

La notizia è di quelle talmente surreali, che il sottoscritto non poteva esimersi dal raccontarla.° 

Dunque, come noto, Uolter è intenzionato ad organizzare – a fine ottobre – una mega-manifestazione contro il governo Berlusconi (ancora non si è capito per manifestare contro quale provvedimento in particolare, ma questi sono dettagli trascurabili).

Ora, per preparare gli italiani a quella che si annuncia come la più straordinaria kermesse politica di tutti i tempi, il segretario del Pd ha deciso di avviare una raccolta-firme: un pullman girerà  in lungo e in largo il Belpaese (questa estate); stazionerà  nelle più importanti città  della Penisola; e grazie ad un efficacissimo slogan – “Salva l´Italia” -, i militanti e i dirigenti piddini, non se ne può dubitare, riusciranno a far sottoscrivere a milioni di cittadini, la loro petizione anti-Berlusconi.

L´obiettivo annunciato da Veltroni è chiaro, e a portata di mano: 5 milioni di nostri connazionali, dovranno firmare lo sfratto anticipato a Silvio IV.

Fin qui, le intenzioni.

Passiamo, ora, ai fatti.

Ieri l´altro, il pullman veltroniano è arrivato in Campania. Ha fatto sosta a Caserta, e sabato è giunto a Napoli.

Qui ha trovato un esercito di militanti e dirigenti, pronti alla battaglia.

Alla Rotonda Diaz, infatti, a raccogliere i malumori antiberlusconiani dei partenopei, c´erano addirittura tre esponenti del partito: Teresa Armato, Maria Fortuna Incostante e Angela Cortese. Praticamente lo stato maggiore del Pd, e tutti coloro che lo votano!

Ma non basta.

Come racconta Alessandra Barone sul Corriere del Mezzogiorno di oggi (a pagina 3), le tre valenti donne veltroniane hanno iniziato la raccolta-fime alle ore 16.00. E l´hanno interrotta, solo quando il sole ha iniziato a congedarsi.

Ore di duro lavoro, senza sosta o ristoro: le persone che volevano firmare la petizione contro il Berlusca, erano davvero tante. Troppe.

O forse troppo poche.

Perché a fine a giornata, in calce al documento del Pd, c´erano solo 140 firme!

E il dato, probabilmente, è sovrastimato.

Se è vero come è vero, che Angela Cortese – alla giornalista del Corriere del Mezzogiorno – ha dichiarato quanto segue:

Veramente so che ne abbiamo raccolte soltanto venti a Napoli, ma questo era solo un incontro di lancio dell´iniziativa“.

Senza dubbio, dopo il “lancio dell´iniziativa“, arriveranno le vere soddisfazioni.

In fondo ai dirigenti campani del Pd, Veltroni ha chiesto solo 250.000 firme.

Basta poco, che ce vo´! 😉

Se volete, votate Ok.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .

41 Responses to "Il Pd a Napoli ha raccolto un oceano di firme contro il governo Berlusconi"

  • cat says:
  • Simone82 says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • cat says:
  • Gab says:
  • RosaAzzurra says:
  • nicoletta says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Simone82 says:
  • pietro says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • luca1988 says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • camelot says:
  • nicoletta says:
Leave a Comment